In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket

Rekico Faenza ad una sola vittoria dal quarto posto

19/04/2019


Rekico Faenza ad una sola vittoria dal quarto posto

Obiettivo quarto posto. La Rekico ha nelle mani il proprio destino e per chiudere tra le prime quattro, traguardo mai raggiunto in serie B, dovrà superare la Lissone Interni Bernareggio, ultimo impegno di regular season in programma sabato alle 20.30 al PalaCattani. I Raggisolaris lo raggiungerebbero anche con un ko casalingo di Padova con Cesena, ma nessuno in casa faentina pensa a questa ipotesi, perché l’unico pensiero è di vincere senza fare calcoli. Anche Bernareggio sarà molto motivata, potendo ancora entrare nei play off, forte anche del match vinto all’andata per 92-85. Non mancheranno dunque le emozioni al PalaCattani e si prevede come al solito una grande cornice di pubblico.

 

LE INIZIATIVE Rekico – Bernareggio sarà #MATCHDAY Carlo e Filippo Venturini, agenti Fideuram, al fianco dei Raggisolaris da questa stagione. Per l’occasione i giocatori indosseranno una sopramaglia con il loro logo.

 

L’AVVERSARIO La Lissone Interni Bernareggio è una delle grandi rivelazioni del campionato ed è in piena corsa per un posto nei play off. Partiti in estate lontano dai riflettori, i ragazzi di coach Marco Cardani si sono messi in luce durante la stagione a suon di vittorie, guadagnandosi la salvezza con largo anticipo e ora puntano ad un play off che sarebbe storico, visto che questa è la loro seconda stagione in serie B e nella scorsa si sono salvati senza disputare i play out. 

 

Bernareggio occupa attualmente l’ottava posizione e si giocherà gli ultimi due piazzamenti nella post season con Vicenza e San Vendemiano, ma fondamentale sarà una sua vittoria al PalaCattani contro la Rekico, formazioni con cui è in vantaggio 2-1 nei precedenti. All’andata i faentini persero 85-92 soffrendo i tanti giovani di valore del team lombardo, protagonisti in un gruppo che ha grande qualità.

 

Il fiore all’occhiello è Stefano Laudoni, capocannoniere del girone con 20.2 punti di media e molto famoso anche sui social per il suo ruolo di influncer, terminale offensivo insieme all’ex di turno Giordano Pagani, pivot del 1998 da 11.9 punti e da 8 rimbalzi di media. In cabina di regia c’è Davide Todeschini, autore di 20 punti all’andata, playmaker d’ordine che ben si abbina alla guardia Giacomo Baldini, altro giocatore con punti nelle mani. Completano il reparto esterni la guardia Lorenzo Restelli e il play Simone Di Gianvittorio, arrivato ad inizio del girone di ritorno dall’Opera Basket, formazione della C Gold lombarda. Giocatore che aveva già vestito la maglia di Bernareggio nel 2017/18, stagione in cui salì in serie B. Sotto canestro ci sono la fisicità e la tecnica di Davide Bossola, regolarmente in doppia cifra con 10 punti di media, e di Thomas Monina, centro classe 2000, uno dei tanti under del roster.

 

Gli altri giovani sono Gian Paolo Almansi, guardia del 2002, Marco Ruzzon, play del ’99, Gabriele Tulumello, ala\pivot del 2000, Federico Finazzer, guardia del 2000 e Alioune Ka, centro del 1999.

 

IL PREPARTITA “Finalmente sto bene e ora voglio recuperare il tempo perduto – afferma l’ala Gioacchino Chiappelli, assente dallo scorso 18 marzo -. Non è stato bello vedere i miei compagni giocare e non aver potuto dare loro il mio contributo, ma ora il peggio è passato. La ferita al ginocchio è guarita e ora devo soltanto riprendere la migliore condizione alla gamba sinistra e per trovarla il prima possibile, sto lavorando molto con il preparatore atletico Marabini. Con Bernareggio giocherò qualche minuto per poi essere pronto nei play off.

 

Sabato dobbiamo vincere ad ogni costo, perché il quarto posto è un obiettivo importante che vogliamo raggiungere e siamo ad un passo dal conquistarlo. Poter giocare un match così importante davanti ai nostri tifosi sarà un bel vantaggio, ma non sarà semplice, perché Bernareggio è in corsa per i play off e giocherà una partita di grande grinta come fece all’andata, quando ci mise sotto per quaranta minuti. Affrontiamo una squadra di grande qualità con giocatori come Todeschini, Pagani, Laudoni e Bossola che possono fare la differenza e per limitarli servirà la nostra solita difesa, che ci ha permesso di vincere tante partite difficili. Devo fare i complimenti a Bernareggio per la grande stagione che sta disputando: meriterebbe di arrivare tra le prime otto”.

 

Per maggiori informazioni

Luca Del Favero

Capo Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza




Rekico vs Credit Agricole 81-69

La Rekico supera San Miniato e passa a condurre la serie

28/04/2019


Rekico vs Credit Agricole 81-69

 

 

Rekico vs Credit Agricole 81-69

(13-18; 29-36; 58-54)

 

FAENZA: Fumagalli 12, Costanzelli 2, Silimbani 2, Casagrande 2, Venucci 29, Zampa, Petrucci 14, Pambianco ne, Chiappelli 3, Santini ne, Sgobba 17, Petrini ne. All.: Friso

SAN MINIATO: Apuzzo, Nasello 11, Mazzucchelli 16, Ciano ne, Benites 4, Regoli ne, Preti 19, Trentin, Capozio 3, Neri 1, Lasagni 11, Magini 4. All.: Barsotti

ARBITRI: Giusto e Spessot

NOTE. Uscito per falli: Nasello

 

La Rekico esordisce nei play off con una grande prestazione in un PalaCattani bollente e vestito a festa. Sulle ali di un grande capitan Venucci, bravo nel rivitalizzare la squadra nel momento più difficile, Faenza gioca una delle migliori partite della stagione e ora è pronta per la seconda sfida in programma mercoledì alle 18 in terra toscana. L’obiettivo è di chiudere i conti per non ritornare domenica prossima al PalaCattani per gara 3.

 

La Rekico sente forse troppo l’importanza della partita ed entra in campo contratta, soffrendo nei primi minuti la difesa di San Miniato, brava a chiudere ogni spiraglio in attacco. La Credit Agricole trova canestri da dentro l’area pitturata, mentre Faenza non ha lo smalto dei giorni migliori in attacco e così al primo intervallo si trova ad inseguire 18-13 con ben 5 punti arrivati dalla lunetta e troppe palle perse. La reazione non tarda ad arrivare e grazie a Venucci trova la parità (21-21), ma San Miniato non perde l’inerzia e passa a condurre 33-25, con la Rekico che riesce a colmare il gap all’intervallo fino al 29-36.

 

Il secondo tempo inizia con Magini che segna un gioco da tre punti, dando il via alla fuga di San Miniato che si porta sul 44-31. Come sempre però nel momento più difficile, Faenza si esalta. Venucci decide che è arrivata l’ora di far vedere la vera Rekico e segna 10 punti consecutivi da ogni posizione: dalla lunetta, da tre e con una penetrazione, accendendo tutta la squadra. Il suo primo break personale vale il 42-44 poi dalla lunetta firma il sorpasso: 47-46. Lo show faentino continua e il testimone passa nelle mani di Petrucci, micidiale sotto canestro e sono proprio due suoi canestri a firmare il break di 20-3 e il 51-46. Il PalaCattani spinge i suoi eroi verso la meta, anche se San Miniato non molla e con Lasagni si riporta sotto 61-69. L’adrenalina negli uomini di coach Friso e la concentrazione non calano ed è Fumagalli a guadagnarsi le scene con un coast to coast che vale il 71-61. Il finale è tutto a tinte faentine e a firmare il canestro della vittoria è giustamente Venucci (75-65), direttore di un’orchestra che ha suonato una dolcissima sinfonia.

 

 

Luca Del Favero

Capo Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'