Stampa questa pagina - Chiudi


Motori

Il team Terra e Moto si prepara ad affrontare il nuovo calendario dell'ELF CIV 2020

05/06/2020


Il team Terra e Moto si prepara ad affrontare il nuovo calendario dell'ELF CIV 2020

 

 

 

Seguici su Facebook: MOTORI EMILIAROMAGNA

 

 

L'ELF CIV 2020 è pronto a partire dopo il lungo lockdown causato dall'emergenza Coronavirus. Sono stati mesi difficili, caratterizzati da attesa e continue valutazioni, ma ora il massimo campionato motociclistico italiano ha un suo calendario per la stagione 2020, il che è motivo di grande entusiasmo anche per il team Terra e Moto.

 

La squadra faentina, nata dalla collaborazione tra le famiglie Cheli e Panzavolta, si prepara ad affrontare la nuova annata agonistica con grande motivazione e rinnovate aspettative. Dopo aver deciso di concentrarsi esclusivamente sul CIV, il team scenderà in pista nelle classi Supersport 600 e 300 con tre giovani piloti dal comprovato talento. Nella SS600 il riconfermato Alessio Finello sarà affiancato dall'australiano Jack Mahaffy (con Terra e Moto già nel 2018, in occasione della gara del Mondiale Supersport 300 a Portimão), mentre per quanto concerne la SS300 sarà della partita Manuel Rocca, vicecampione Europeo di categoria nel 2019. 

 

I "tre moschettieri" del team Terra e Moto porteranno in pista le loro Yamaha color arancione (caratteristica che distingue storicamente la compagine romagnola) in quattro doppi round, da svolgersi su altrettanti circuiti:

 

    4-5 luglio – Mugello Circuit

    25-26 luglio – Misano World Circuit “Marco Simoncelli”

    5-6 settembre – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola

    17-18 ottobre – Autodromo Vallelunga “Piero Taruffi"

 

Il tutto si svolgerà secondo modalità definite dalla Federazione Motociclistica Italiana, che annuncerà un protocollo apposito in base all'evoluzione delle norme anti-contagio da COVID-19.

 

Le incertezze dell'ultimo periodo se ne stanno finalmente andando ed esse lasceranno spazio a gare spettacolari, emozioni forti e tante storie da raccontare, per il team Terra e Moto e per tutte le persone coinvolte nel Campionato Italiano Velocità.

 

 

Alessio Finello (CIV Supersport 600): "Finalmente si torna in circuito. Il lockdown è stato duro, ma non mi sono mai fermato: ho svolto gli esercizi indicati dal mio preparatore, sono andato in bici e sui rulli e ho appena ripreso, rad andare in palestra e dal fisioterapista. Non è stato semplice rimanere a casa così a lungo, ma ora stiamo tornando alla normalità e sono pronto. Per quanto riguarda i miei obiettivi per quest'anno...Dico solo che punto in alto!"

 

Jack Mahaffy (CIV Supersport 600): "È stato un periodo strano per tutti, ma non ho mai smesso di allenarmi. Ho girato con la mia Yamaha R6, ho fatto del flat track e ho affrontato una preparazione specifica col mio coach, in modo da essere in forma per questa stagione. Ho avuto alcuni problemi, compreso un infortunio alla schiena a inizio marzo, ma ora sto bene e sono più che pronto per quando tornerò in Italia. Quest'anno punto a lasciare il segno e a dimostrare la mia velocità e sono convinto che le persone che avrò intorno lo renderanno possibile. Non vedo l'ora di iniziare la mia avventura col team Terra e Moto e 98 Experience: conosco la squadra per la gara che abbiamo fatto insieme nel 2018 e non vedo l'ora di lavorare nuovamente con loro!"

 

Manuel Rocca (CIV Supersport 300): "Sono contentissimo, perché finalmente si riparte e questa è la cosa più importante. In questo periodo mi sto allenando a casa facendo gli esercizi che normalmente svolgo in palestra e in più, di recente, sono tornato a girare con la pitbike e a Cremona con la Yamaha R6. Attendo con trepidazione di lavorare col team Terra e Moto, ho grandi aspettative per quest'anno!"

 

Ilaria Cheli (Team Manager Terra e Moto): "Siamo contenti di poter partire, aspettavamo questo momento con grandissima ansia. Sono due mesi che i nostri ragazzi scalpitano per andare in moto e finalmente questo sarà possibile. Per quanto ci riguarda, il 18 e 19 giugno faremo i nostri primi test al Mugello, al fine di prepararci al meglio per il round inaugurale della stagione. L'emergenza Coronavirus non è ancora pienamente superata, ma siamo sicuri che la FMI troverà una soluzione affinché tutto si svolga nella massima sicurezza. Non vediamo l'ora di tornare in azione!"