Stampa questa pagina - Chiudi


Calcio | Dilettanti | Eccellenza

Il Medicina Fossatone riparte dall'Eccellenza

10/05/2019


Il Medicina Fossatone riparte dall'Eccellenza

Il Medicina Fossatone, dopo una stagiona tribolata, raggiunge la salvezza in Eccellenza e mantiene la categoria per la prima volta nella sua storia.

Nell’ultima giornata di campionato è arrivata una salvezza diretta che, ad un certo punto della stagione, sembrava quasi un miraggio, ma il lieto fine è arrivato e i giallorossi riescono a mantenere la categoria conquistata nettamente la scorsa stagione.

 

“Anche io definisco questa stagione tribolata,  – commenta mister Marco Gelli – ma siamo comunque molto soddisfatti per come è finita.”

 

Mister alla fine è arrivata questa salvezza...

“Siamo molto contenti, peraltro il campionato quest’anno è stato molto competitivo, noi avevamo sicuramente costruito una squadra per fare un campionato diverso, non lo possiamo negare. Oltre a noi si sono salvate all’ultimo anche altre squadre che solitamente in questa categoria fanno campionati di ben altra levatura. Diciamo che è stata un’annata particolare per molte squadre, nel bene e nel male.

Nell’ultima giornata si è vista la voglia dei ragazzi, abbiamo combattuto per pareggiare la differenza reti con il Corticella. La Marignanese si è presentata con qualche giovane in più, sazia per il quarto posto già conquistato, ma non ci hanno regalato niente.

Siamo stati bravi a sfruttare quest’occasione.”

 

Qual è stata la più grande difficoltà in questa stagione?

“Sinceramente non sono abituato a trovare degli alibi, la classifica per me rispecchia sempre i valori delle squadre. Il campo parla sempre.

Facendo un’analisi approfondita, la stagione è stata sicuramente particolare e alcuni episodi ci hanno condizionato. In certe occasioni, nella fase centrale del campionato, abbiamo raccolto meno di quanto ci saremmo meritati e questo probabilmente ha aumentato anche la paura.

Le qualità ci sono sempre state, nelle ultime gare si è visto, abbiamo ritrovato sicurezza e abbiamo rimontato sulle altre. Abbiamo raccolto un po’meno di quello che ci aspettavamo.”

 

Il finale di stagione è stato entusiasmante!

“Considera che delle ultime 15 partite ne abbiamo perse solo 2 (Copparese e Fya Riccione), siamo il terzo miglior attacco del campionato, ma anche la terza peggior difesa. Non capita spesso che una squadra che si salva all’ultimo abbia il terzo miglior attacco e questo è assodato.

Il bottino raccolto nel girone di ritorno è la dimostrazione della forza di una squadra che si è sempre dimostrata all’altezza della Categoria.”

 

L’ambiente è stato un fattore?

“Alla grande, fossero tutte così le società... Non ci sono pressioni, ci hanno sempre sostenuto tutti, facendoci lavorare tranquillamente. Questo influisce, se c’è nervosismo le cose possono solo andare peggio.”

 

Sul futuro cosa puoi dirmi?

“Guarda, per il momento continuiamo a festeggiare. La cosa migliore da fare è darsi un minimo di tempo per chiudere la stagione, anche perché la stagione è stata molto pesante e poi ci incontreremo nelle prossime settimane per fare due chiacchiere sulla prossima stagione.

A Medicina si sta benissimo e sono molto felice in questa piazza, dovremo confrontarci con la società com’è nornale che sia, ma c’è estrema tranquillità da entrambe le parti.

Voglio fare i complimenti ai ragazzi che durante tutta la stagione si sono allenati con un’intensità pazzesca, hanno dato tutti un grandissimo contributo, anche quelli che hanno trovato poco spazio. Adesso ci riposiamo un po’, ne abbiamo bisogno…”

 

 

Alessandro Marzocchi