In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Zini (Catellarano): "I cinque rossi di domenica scorsa hanno dell'irreale"

"la nostra sportività è stata lodata persino dagli avversari"

21/05/2019


Zini (Catellarano): "I cinque rossi di domenica scorsa hanno dell'irreale"

Francesco Zini (Castellarano)


 

Tempo di bilanci in casa Castellarano: domenica scorsa è infatti sceso il sipario sulla stagione agonistica della Prima squadra, un'annata che purtroppo ha avuto una conclusione decisamente amara. Come è noto, a Castelvetro gli azulgrana hanno disputato la semifinale play off contro la Pieve Nonantola: l'arbitro Vincenzi di Bologna ha comminato ben 5 cartellini rossi ai nostri beniamini, e così la formazione allenata da Roberto Lanzafame ha riportato una sconfitta per 3-0 a tavolino. Per la cronaca, il duello è stato interrotto a pochi minuti dalla fine del secondo tempo supplementare: il punteggio era sull'1-1, ma il Castellarano stava comunque cercando di portare a casa una vittoria che lo avrebbe portato in finale. "Ciò che è successo ha dell'irreale, specie considerando l'andamento complessivo della gara - analizza il presidente azulgrana Francesco Zini - Chi legge il tabellino potrebbe pensare a una partita cattivissima e violenta, in particolar modo da parte nostra: invece, chi ha seguito l'incontro sa bene che le cose sono andate ben diversamente".

 

E dunque, presidente, qual è la verità su questa semifinale play off?

"Si è trattato di un incontro decisamente tranquillo, disputato con grandissima correttezza da entrambe le squadre: di certo, non è accaduto nulla che potesse motivare una simile quantità industriale di espulsioni. Ricordo infatti che anche un giocatore della Pieve Nonantola è stato allontanato dal campo: in totale fanno quindi 6 cartellini rossi, che costituiscono una serie di provvedimenti disciplinari davvero inconcepibile".

 

I rossi comminati al Castellarano erano davvero così ingiusti?

"A nostro giudizio l'unica espulsione meritata è stata l'ultima, quella comminata ad Andrea Carrozza: in effetti lui ha commesso un intervento irregolare su un avversario, probabilmente dettato dalla concitazione ma anche dalla frustrazione che il Castellarano stava vivendo in quel momento. D'altronde, gli allontanamenti di Quartaroli, Zironi, Turci e Notari appaiono a dir poco inspiegabili: giusto per citare un esempio, basti pensare che Filippo Turci è stato ammonito due volte per aver commesso altrettante simulazioni a centrocampo... Davvero non capiamo tutto questo accanimento nei nostri confronti".

 

Nessuno ha perso la pazienza?

"No, nel modo più assoluto: nonostante la lunga serie di ingiustizie che abbiamo subìto, il Castellarano ha mantenuto un atteggiamento contraddistinto dalla massima sportività. Ciascuno di noi si è mosso nel solco della tradizione che contraddistingue il nostro club, senza mai perdere la testa: abbiamo tenuto un comportamento esemplare, privo di ogni forma di violenza verbale o fisica. E' un aspetto che tengo a rimarcare, perchè le 5 espulsioni potrebbero lasciar pensare a tutt'altro: invece, la nostra grande serietà è stata lodata anche dall'ambiente avversario".

 

In effetti, nei supplementari il pubblico di casa si era addirittura messo a incitare il Castellarano...

"Vero: abbiamo incontrato la simpatia della platea biancogranata, che ha apprezzato i nostri ripetuti sforzi nel cercare la vittoria nonostante la netta inferiorità numerica. Pur essendo rimasti in 7 contro 10, durante i supplementari siamo riusciti a sfiorare varie volte il gol-vittoria: un aspetto che la dice lunga non soltanto sulle doti tecniche della squadra, ma anche sull'orgoglio e sulla determinazione con cui il Castellarano ha onorato l'impegno fino in fondo. Sia ben chiaro: noi non ce l'abbiamo affatto con la Pieve Nonantola, che ha disputato un'onesta partita proprio come abbiamo fatto noi. Il nostro disappunto riguarda la direzione di gara, e credo che sia una sensazione condivisa anche dagli avversari: immagino infatti che nessuna squadra sia contenta di vincere a tavolino, specie dopo una sfida simile. Inoltre, so che a fine gara il Commissario di campo ha chiesto scusa ad alcuni nostri dirigenti: qualcosa vorrà pur dire".

 

Più in generale, come valuti questa stagione vissuta dalla Prima squadra di Asd Castellarano?

"I problemi sono stati tanti, e molto spesso imprevisti: basti pensare ai molteplici infortuni che abbiamo dovuto fronteggiare. Purtroppo, l'infermeria piena è stata una vera e propria costante del nostro cammino: si tratta di un elemento che di certo ha ostacolato i nostri piani. Comunque sia, i momenti lieti non sono ceto mancati: ad esempio la lunga striscia di risultati utili che abbiamo ottenuto in autunno, ma anche il cammino in crescendo che mister Lanzafame ha saputo concretizzare dopo aver assunto le redini della squadra. Siamo comunque arrivati ai play off, che rappresentavano l'obiettivo primario stagionale. Ora è impossibile negare una certa amarezza, perchè di certo avremmo meritato di poterci giocare la finalissima con l'Arcetana: tuttavia, posso garantire che lavoreremo per essere di nuovo grandi".

 

Puoi darci qualche anticipazione in merito al futuro?

"In linea di massima avremmo l'intenzione a vivere un'altra annata su alti livelli, cercando se possibile di migliorare ulteriormente i risultati raggiunti quest'anno. Tuttavia è presto per parlare di nomi, anche perchè adesso siamo ancora "scottati" dalla delusione di ieri l'altro: comunque sia, dopo qualche giorno di pausa, a breve inizieremo a definire i programmi e le mosse riguardanti la prossima stagione in Promozione. Intanto, un grande e sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno vissuto in prima persona il nostro percorso nel 2018/2019: staff tecnico, giocatori, sponsor, collaboratori, e ovviamente tutto il resto della compagine dirigenziale. Ci risentiremo presto, con le prime novità".



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'