In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Stefano Rossini ha iniziato la nuova avventura alla Vigor Carpaneto 1922

09/10/2019


Stefano Rossini ha iniziato la nuova avventura alla Vigor Carpaneto 1922

Stefano Rossini (Maurizio Hobby Foto)


 

 

 

CARPANETO (PIACENZA), 8 OTTOBRE 2019 – E’ iniziata ieri pomeriggio  con la direzione del primo allenamento la seconda “era” (e la terza stagione) di Stefano Rossini alla guida della Vigor Carpaneto. Già sulla panchina biancazzurra per buona parte delle scorse due stagioni, l’ex terzino di serie A affronta ora una nuova avventura alla corte del presidente Giuseppe Rossetti. Il numero uno del Carpaneto, infatti, l’ha scelto per avvicendare il collega brasiliano Martins Adailton, con cui lunedì si è giunti a un accordo consensuale per provare a dare una scossa alla squadra, penultima nel girone D di serie D con due punti all’attivo e reduce da quattro sconfitte consecutive in campionato. 

Si aspettava questa chiamata? Con che spirito ha accettato questa nuova avventura al Carpaneto?

“Nel calcio non c’è mai nulla di scontato, se vuoi fare questo mestiere metti in preventivo i cambiamenti. Puoi avere divergenze di vedute, ma se non ti lasci male può succedere di ritrovarsi. Sono carico, ci credo, altrimenti non avrei accettato. Io conosco solo una strada per rialzarsi: il lavoro. Non sono il salvatore della patria, c’è bisogno di tutto e di tutti. Le potenzialità sono importanti da sviluppare, ma ci sono anche altre componenti, come per esempio la testa e la fiducia, che lo sono altrettanto, se non di più”.

Crede di poter riproporre il gioco che aveva saputo costruire negli scorsi due anni alla Vigor?

“Come ho sempre detto, io non guardo i moduli, ma penso ai concetti. Nel mio primo anno avevo una squadra tutta nuova, in quello successivo è stata tenuta un’ossatura e abbiamo continuato a lavorare. SI può fare tutto”.

Preoccupato della situazione in classifica?

“Il tempo non gioca  dalla nostra parte, devo bruciare un po’ le tappe, fare tutto più velocemente perché il campionato va avanti e non ti aspetta”.

Per ora sulla carta, che idea si è fatto di questa Vigor?

“Ogni anno è una situazione diversa. In questo inizio di campionato ho visto una sola partita. Ti puoi fare delle idee, ma la cosa è giudicabile fino a un certo punto e comunque dovrò toccare con mano la situazione per capire bene”.

Domenica Stefano Rossini farà il proprio esordio stagionale sulla panchina della Vigor nel match a domicilio della Correggese terza in classifica.

 

Nella foto, Stefano Rossini, tecnico della Vigor Carpaneto 1922

 

Ufficio stampa Vigor Carpaneto 1922

Luca Ziliani

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'