In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Motori

Secondo posto a Vallelunga per il coreggese Giacomo Mora

Il 18enne chiude quarto il campionato italiano Supersport 300

20/10/2020


Secondo posto a Vallelunga per il coreggese Giacomo Mora

 

Seguici su Facebook: MOTORI EMILIAROMAGNA

 

 

Week end in chiaroscuro per Giacomo Mora a Vallelunga. Il 18enne pilota correggese, impegnato sul circuito capitolino nel Final Round del campionato italiano Supersport 300, ha conquistato la pole position e centrato il secondo posto in gara 1, per poi essere coinvolto in una caduta nella seconda e ultima gara del campionato, mentre era in lotta per il primato ed in piena corsa per il terzo posto nella generale. 

 

Mora scatta davanti a tutti in griglia, grazie alla pole position conquistata grazie al crono di 1’53”281; alle sue spalle le Kawasaki di Francesco Prioli (1’53”716) e Samuele Marino (1’54”99). Proprio Prioli è il vincitore della prima gara romana, con Mora che è splendido al secondo posto con un distacco di appena 0.066. Nella seconda contesa è un avversario a causare la sua caduta, proprio nell’ultimo giro, facendolo chiudere quarto in campionato ma in netta ascesa. 

 

Queste le dichiarazioni del Junior Team Yamaha alla fine del week end romano: “Mentre Mora percorreva la corsa verso il terzo posto nella classifica generale è stato spazzato via nell’ultimo giro da un altro pilota, senza considerare i sorpassi in regime di bandiera gialla che ne hanno frenato la rimonta nel corso della decima tornata di gara. Tutto il team ringrazia Giacomo per la sua esemplare correttezza nello sport del motociclismo velocità e per la persona di grande valore che da sempre rispecchia umiltà e senso del dovere. Complimenti anche ai genitori che hanno saputo trasmettere educazione e rispetto: tutti hanno visto il tuo valore, Gek, ora si guarda al 2021”. Mora, dal canto suo, commenta: “Grazie alla mia famiglia, alla mia famiglia e alla federazione per le opportunità che ho avuto quest’anno”.

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'