In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Atletica

Prove multiple indoor, Michele Brini campione italiano promesse

28/01/2019


Prove multiple indoor, Michele Brini campione italiano promesse


Weekend fitto di gare per l’Atletica Imola. Titoli regionali al coperto per Filippone e Ravagli

Imola, 28 gennaio 2019. Fine settimana ricco di gare e soddisfazioni per l’Atletica Imola Sacmi Avis che ha decisamente iniziato con il piede giusto questo nuovo anno. Tanti i nostri portacolori che hanno preso parte alle varie gare in giro per l’Italia, a testimonianza del periodo già intenso di eventi a cui la società sta partecipando, ottenendo risultati di tutto rilievo.

PADOVA Sabato 26 e domenica 27 si sono svolti i Campionati italiani Prove Multiple indoor. Grandissima soddisfazione per la nostra società che ha visto trionfare, nella categoria Promesse, il classe ’98 Michele Brini con 4.994 punti. Nelle sette prove previste, va segnalato l’ottimo 8’’50 nei 60hs a cui si sono sommate le buone prove nei 60 piani (7’’42), nel lungo (6.72), nel peso (11’’54), nell’alto (1.80), nell’asta (4.20) e, per finire, nei 1.000 metri (2’49’’72). A completare l’opera il 2° posto del neo acquisto Alessio Comel che ha chiuso la due giorni con 4.854 punti, grazie ai risultati importanti ottenuti soprattutto nel lungo (7.03) e nel salto in alto (1.92). Davvero un gran esordio per Alessio che non poteva certo partire nel modo migliore con indosso la sua nuova maglia societaria.

MODENA Tornando in Emilia-Romagna, invece, negli stessi giorni si sono corsi i Campionati regionali individuali indoor Allievi, Juniores e Promesse. Primo gradino del podio e medaglia d’oro al collo per Martino Filippone nei 60hs Juniores (8’’48) e Pietro Ravagli nel triplo Juniores (ottimo 14.47).

CESENA Domenica 27 gennaio, invece, era in programma la 1° prova dei Campionati invernali di lanci. Oro per Andrea Fagliarone nel martello (48.69), e Jacopo Maccarelli nel disco Allievi (36.12). Argento per Andrea Berti nel disco Promesse (34.62), Alexander Geminiani nel disco Allievi (33.69) e Lorenzo Morara nel giavellotto Allievi (43.94). Bronzo, infine, per Marco Morini nel disco (37.36).

ANCONA In terra marchigiana, sempre nella giornata di domenica 27 gennaio, era in calendario un Meeting Nazionale indoor. Presente Andrea Mazzanti che, nei 200 metri, ha chiuso 8° con il tempo di 22’’94.

BOLOGNA Sotto le Due Torri, sabato 26 gennaio, è stata organizzata invece la 1^ giornata dei Campionati provinciali indoor – Trofeo «Braschi Day». Erano circa una sessantina i bambini e le bambine che, con i nostri colori, hanno preso parte alla manifestazione nella categoria Esordienti.

OSTIA Tornando indietro di qualche giorno, infine, nel weekend del 19-20 gennaio nel Lazio, si è disputata la 1^ fase regionale dei Campionati invernali di lanci. In pedana era presente il discobolo Alessio Costanzi che ha terminato la sua gara al 2° posto con la misura di 48.34, solo 14 cm in meno del record imolese di 48.48 stabilito da lui stesso soltanto l’anno scorso.


PROSSIMI APPUNTAMENTI Tutto pronto per i Campionati italiani indoor Juniores e Promesse che si terranno ad Ancona sabato 2 e domenica 3 febbraio. Negli stessi giorni occhio anche a due meeting al coperto regionali: uno a Modena e l’altro a Padova.


L’INTERVISTA A MICHELE BRINI, CAMPIONE ITALIANO PROVE MULTIPLE INDOOR PROMESSE

«È stata una bella soddisfazione – ha commentato Michele Brini dopo l’oro conquistato a Padova -, perché sono passati sei anni dall’ultima volta che avevo vinto un Campionato italiano. L’ho rivinto al coperto e, per un atleta dalle mie caratteristiche, la gara di Prove multiple indoor è sicuramente quella che mi si addice di meno, visto che sono un buon lanciatore e qui i lanci sono praticamente assenti (c’è solo il peso). In più mi trovo meglio sulle dieci gare rispetto alle sette previste in questa manifestazione».
Qualche rimpianto su ogni singola prova?
«Fare tanti punti conta sempre meno che vincere. Avrei voluto fare meglio praticamente in tutte, perché in ognuna posso migliorare tantissimo e poi perché il punteggio finale non mi ha soddisfatto molto».
Dietro di te è arrivato Alessio Comel. Cosa ne pensi del nuovo acquisto per la nostra società?
«E’ un ragazzo molto forte che per fortuna sono riuscito a portare a Imola, perché avevamo bisogno di un saltatore e lui è un grandissimo saltatore. La sua gara è stata simile alla mia, un po' sottotono a livello di punteggio, ma può migliorare ancora tantissimo nei lanci e nei salti. Sebbene questi ultimi siano il suo pane, ha ancora degli ampi margini di miglioramento. Alla fine però conta vincere una medaglia e lui è stato bravo. Insieme poi facciamo parte della Track & Field Academy».
Di cosa si tratta?
«E’ un polo di allenamento situato nell’hinterland milanese tra Milano e Varese, composto al momento da 10-12 ragazzi e creato dal nostro allenatore Andrea Calandrina. L’obiettivo è quello di metterci nelle condizioni migliori per allenarci nelle Prove multiple e nel salto con l’asta. In pratica ci alleniamo insieme, viviamo insieme e ci vediamo tutti i giorni. Inoltre gli impianti indoor e le strutture di livello, le collaborazioni con allenatori internazionali, oltre alla possibilità di partecipare a competizioni importanti anche in giro per l’Europa sono alcuni tra i grandi vantaggi di far parte di questo gruppo. Non è un caso, comunque, che i primi sei ragazzi, tra i sette della classifica generale assoluta dei Campionati italiani indoor di Prove multiple, facciano parte di questo polo».
Dopo l’oro quali sono i tuoi obiettivi stagionali?
«Certamente mi voglio preparare al meglio per la stagione all’aperto e mi piacerebbe anche vestire nuovamente la maglia della Nazionale, così come accade l’anno scorso anche se solo in un evento di contorno. Nel 2018 ci saranno anche gli Europei U23, le Universiadi e la Coppa Europa per Nazioni (dove si gareggia con i grandi senza limiti di età), mentre non so ancora se parteciperò ai Campionati italiani assoluti o a quelli riservati agli U23».



Ufficio Stampa Atletica Imola Sacmi Avis       
Davide Benericetti



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'