• Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio

Lunedì 27 dicembre una serata in omaggio a Edmondo Fabbri

Interverranno i giornalisti Giuseppe Tassi, Alberto Bortolotti e Tiziano Zaccaria.

Pagina 1 di 1

21/12/2021

Lunedì 27 dicembre una serata in omaggio a Edmondo Fabbri

Edmondo Fabbri con Giacomo Bulgarelli

La figura di Edmondo Fabbri, l’allenatore di calcio nato a Castel Bolognese il 16 novembre di cento anni fa, sarà celebrata nella serata di lunedì 27 dicembre al Tennis Club Faenza. Alle 20,30 ne ripercorreranno la storia sportiva i giornalisti Giuseppe Tassi, Alberto Bortolotti e Tiziano Zaccaria, mentre i tre figli Roberto, Riccardo e Romano ne tracceranno un profilo più personale e privato. Non mancheranno altri interventi.

Partito da una famiglia di umili origini, Edmondo Fabbri era arrivato con merito alla guida della nazionale di calcio. Malgrado la sua bassa statura – da qui l’appellativo di “Mondino” - ebbe anche una buona carriera da calciatore, trascorsa per una decina d’anni in serie A fra Atalanta, Inter e Sampdoria. Poi la scelta di allenare. Gli diede fiducia il Mantova, che in soli cinque anni portò dalla serie D alla A. Fabbri si rivelò tecnico preparato, intelligente, arguto e moderno. In un periodo in cui imperava il “catenaccio”, il suo Mantova ruppe gli schemi: proponeva un gioco offensivo di qualità, vinceva e divertiva, tanto che fu ribattezzato “il piccolo Brasile”. Edmondo divenne l’uomo nuovo del calcio italiano e a soli quarant’anni, nel 1962, fu chiamato a guidare la nazionale, invocato come il salvatore della patria dopo le delusioni degli anni precedenti. E i risultati non mancarono: in quattro anni ottenne 17 vittorie, 5 pareggi e sole 3 sconfitte, appoggiandosi soprattutto sul talento di Bulgarelli, Rivera e Mazzola. La sua nazionale arrivò ai mondiali inglesi del 1966 spinta da un giustificato entusiasmo. Ma il 19 luglio, a Middlesbrough, la sconfitta contro la Corea del Nord la escluse dalla competizione iridata. E tutto crollò addosso a Fabbri, che al rientro in Italia fu processato, umiliato, isolato, deriso, perfino minacciato di morte. Divenne il capro espiatorio di quella disfatta. In seguito, pur facendo cose apprezzabili e vincendo due Coppe Italia con il Bologna e il Torino, Edmondo non riuscì più a scrollarsi di dosso il peso di quella sconfitta. Molti suoi azzurri ebbero modo di riscattarsi, vincendo l’Europeo nel 1968 ed arrivando alla finale dei Mondiali messicani del 1970. Solo Fabbri, che aveva messo le basi di quella nazionale, restò ingiustamente l’unica vittima sacrificale.

Altre info su: www.facebook.com/MondinoFabbri

Giuseppe Tassi, bolognese, è editorialista di QS, la testata sportiva del Quotidiano Nazionale (Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno). Ha percorso l’intera carriera al Resto del Carlino, dove dal 1985 al 1997 è stato capo dei Servizi sportivi. Nel 2002 è diventato vicedirettore del Resto del Carlino e nel 2012 è stato nominato vicedirettore di Quotidiano Nazionale con delega alle pagine speciali. Infine, dal 2014 al 2016 è stato direttore di QS, la testata con la quale continua oggi a collaborare nelle vesti di editorialista.

Alberto Bortolotti, bolognese, giornalista professionista, è stato capo ufficio stampa della Lega Basket di Serie A. Ha collaborato con Mediaset, Sky e TMC. Attualmente conduce su MadeinBo Tv “Il Pallone Gonfiato”, la più vecchia trasmissione di calcio in Italia sulle reti private, in onda sulle antenne bolognesi per il 45esimo anno consecutivo.

Tiziano Zaccaria, faentino, giornalista professionista, nell’occasione presenterà il suo libro “Oltre la Corea. Vita e calcio di Edmondo Fabbri”, la prima opera editoriale che ripercorre l’intera carriera del tecnico “condannato ad un ergastolo calcistico a causa della sconfitta con la Corea del Nord”.

Seguici su Facebook: ROMAGNASPORT

 

Commenti

PUBBLICITA'