In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket

Intervista al capocannoniere della serie D Luca Galassi

08/11/2018


Intervista al capocannoniere della serie D Luca Galassi

foto Alfio Sgroi


BELLARIA - Dopo la convincente vittoria, ottenuta sabato contro Giardini Margherita per 86-69, il Bellaria Basket, secondo in classifica a -2 dalla capolista Forlimpopoli, venerdì andrà a far visita, in quel di Bologna, in casa di un Progresso Happy Basket ancora a secco di vittorie. Una partita dove sulla carta partono avvantaggiati i biancoblu, ma si sa che ogni match fa storia a sé, ed una squadra giovane e affamata come quella bolognese non è assolutamente da sottovalutare.

 

Lo sa bene Luca Galassi, il prodotto classe ’99 delle giovanili dei Crabs, uno dei principali artefici dell’ottimo avvio di campionato bellariese, nonché capocannoniere della serie D con 23.3 punti di media.

 

“Venerdì sarà una partita molto dura - attacca la guardia del Bellaria - mi aspetto di trovare una squadra decisa a metterci in difficoltà, dovremo essere bravi ad imporre il nostro gioco. Infortuni a parte, in questo inizio di stagione abbiamo faticato un po’ a trovare i giusti meccanismi: adesso stiamo crescendo e stiamo trovando la nostra dimensione. L’impegno in settimana è massimo, ci stiamo allenando bene e i risultati si vedono poi in campo: siamo sulla strada giusta, ma abbiamo grandi margini di miglioramento.

 

Per quanto riguarda la classifica marcatori, vincerla non è il mio obiettivo: ovviamente mi fa piacere e per me essere il capocannoniere è un onore, ma devo ringraziare i miei compagni, che mi cercano e che mi mettono in condizione di segnare. Preferisco vincere e segnare poco, piuttosto che il contrario: quando scendo in campo non sto a pensare ai punti, ma al fatto che la squadra giochi bene, perché se vogliamo raggiungere un obiettivo importante come ci siamo prefissati, ognuno dovrà fare dei sacrifici ed impegnarsi al massimo. Chiaramente mi fa piacere essere un punto di riferimento per la squadra, ma tutto ciò è frutto di allenamenti giornalieri sia tecnici, sia fisici, sia di tiro, che sto facendo con Gordan (Firic, ndr), perché alla fine il lavoro duro paga sempre”. 

 

Mikael Distante

Responsabile della Comunicazione Bellaria Basket

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'