In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Il Tre Fiori rimonta il Pennarossa e si qualifica per i quarti di Coppa Titano

22/10/2020


Il Tre Fiori rimonta il Pennarossa e si qualifica per i quarti di Coppa Titano

 

 

Vittoria, rimonta e passaggio del turno. Quella del Tre Fiori contro il Pennarossa in Coppa Titano è una di quelle vittorie che valgono doppio, non solo per l’approdo ai quarti di finale della competizione, ma anche come chiave di svolta dopo un inizio di stagione vissuto tra alti e bassi.

“Vincere una partita da dentro o fuori è doppiamente importante – sottolinea il centrocampista gialloblù Francesco Lunardini – e se ce l’abbiamo fatta è merito dell’atteggiamento che abbiamo tenuto in campo: unire le forze ha fatto la differenza. Abbiamo messo in campo una prova di grande carattere e in questo momento davvero ci voleva. Veniamo da un inizio di campionato molto diverso dal solito nel quale, complici tanti motivi, non abbiamo ancora trovato la quadra esatta. Una partita come questa ci voleva per aumentare la fiducia nelle nostre capacità e la coesione del gruppo: ne faremo tesoro”.

A causa della pandemia, le gare europee del Tre Fiori si sono svolte tra agosto e settembre, praticamente a ridosso dell’avvio del campionato. Avete trovato difficoltà ad adattarvi? “Le partite di Champions e di Europa League ci hanno di certo tolto tantissime energie – continua Lunardini -. Solitamente in Europa si giocava a fine giugno, mentre quest’anno disputando queste gare impegnative così tardi abbiamo trovato difficoltà ad approcciare subito con il piglio giusto alle competizioni nazionali. I tempi così stretti hanno rallentato un po’ il nostro processo di crescita e di amalgama di squadra, ma stiamo comunque lavorando bene e sono certo che continueremo a migliorare in fretta. La rosa è forte, ma rispetto all’anno scorso è cambiata e giocoforza serve un po’ di tempo per conoscere al meglio le caratteristiche di tutti”.

Anche qualche acciacco fisico non ha di certo aiutato. “Qualche infortunio di troppo c’è stato e le assenze hanno pesato. Personalmente un problema fisico accusato prima di giocare in Europa mi ha messo i bastoni tra le ruote: ho affrettato un po’ i tempi di recupero e l’ho pagato in queste prime giornate di campionato. Non sono più un giovincello e devo sapermi gestire, ma sia io, sia i miei compagni, stiamo raggiungendo al 100 per cento della condizione. Vogliamo tornare alla vittoria in campionato già sabato contro il Murata, squadra scorbutica e non facile da affrontare.”

Come procedono gli allenamenti, anche considerata l’emergenza Covid? “Ci alleniamo bene, prendendo tutte le precauzioni del caso per essere sempre in piena sicurezza. Mi auguro – conclude Lunardini - che comportandoci tutti così si possa continuare a giocare fino alla fine senza più fermarci. Quest’anno il campionato è molto equilibrato e sarà bellissimo giocarsela fino in fondo, cercando di dare filo da torcere a La Fiorita e Tre Penne, che al momento valuto le due squadre da battere per poterci confermare campioni di San Marino”.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'