• Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio

Grande festa per Dida al Milan Club Faenza

Il portiere brasiliano che ha vinto tutto coi rossoneri accolto da più di 200 tifosi al Circolo Tennis

Pagina 1 di 2

14/06/2024

 

Un tocco di internazionalità con Nelson De Jesus Silva, per tutti Dida ospite del Milan Club Faenza "Carlo Sangiorgi" che ha organizzato un evento speciale al Circolo Tennis.

 

Accolto dal presidente Giuseppe Sangiorgi e da tutto il consiglio del sodalizio di supporter rossoneri, il campione brasiliano ha fatto qualche scambio sul campo di padel, sport dove è oggi protagonista assieme ad altri ex calciatori, e regalato agli oltre 200 appassionati autografi, foto e selfie, ma soprattutto tanta simpatia rievocando la sua avventura sportiva.

 

Dida è uno degli unici tre calciatori della storia, insieme ai connazionali Ronaldinho e Cafu, ad essere riuscito a conquistare, almeno una volta, UEFA Champions League, Copa Libertadores, Coppa del Mondo FIFA, Copa América e Confederations Cup.

 

Nel ruolo di portiere Dida ha vinto tutto con il Milan: due Champions League, altrettante Supercoppe Europee, un Mondiale per Club, un Campionato italiano, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Successi firmati nell'era del presidente Silvio Berlusconi, ricordato con stima e commozione dal campione brasiliano a un anno dalla scomparsa.

 

"C'è solo un presidente - ha detto Dida - Berlusconi ha realizzato tutto ciò in cui ha creduto per la squadra del suo cuore portandola ai vertici del calcio europeo e mondiale. Ha fatto tanto per il gioco del calcio in generale e dobbiamo essergli grati. E' sempre rimasto accanto al Milan anche quando non era più presidente, informandosi con mister Pioli e con lo staff. È un vero appassionato del gioco del calcio, sempre presente fino alla fine".

 

L'immagine che tutti i tifosi rossoneri portano nel cuore è l'abbraccio di Dida, che parò tre rigori, con Shevchenko autore del penalty decisivo nella finale di Champions League vinta dal Milan di Ancelotti sulla Juventus di Lippi a Manchester nel 2003.

 

"In semifinale avevamo eliminato l'Inter. Conquistare quella competizione seguita in tutto il mondo, mi ha fatto capito l'importanza e il valore per tutti e rimane una gioia infinita".

Commenti

PUBBLICITA'