In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Ghirelli alla Camera: Priorità apprendistato e controlli di legalità

Il presidente di Lega Pro in audizione davanti alle Commissioni Cultura e Lavoro

13/01/2021


Ghirelli alla Camera: Priorità apprendistato e controlli di legalità

 

Seguici su Facebook: EMILIAROMAGNASPORT

 

11 gennaio 2021. “Se si vuole riformare il calcio, l’apprendistato è un passaggio chiave per cambiare la cultura del sistema rispetto alla complementarietà inscindibile tra attività sportiva e formazione scolastica”. Così dichiara Francesco Ghirelli, presidente di Lega Pro, nell’audizione davanti alle Commissioni riunite Cultura e Lavoro della Camera sul decreto legislativo di riordino e riforma in materia di enti sportivi professionistici e dilettantistici e di lavoro sportivo.

Per Lega Pro l’accesso all’apprendistato è una battaglia storica. “Il calcio di territorio ha una responsabilità sociale e culturale, non basta formare gli atleti sul campo, dobbiamo dotarli di strumenti di conoscenza con i quali crescere e costruire una valida alternativa soprattutto quando la carriera calcistica volge al termine, per questo serve un’alleanza con la scuola e l’università italiana” prosegue Ghirelli.

“Per le squadre di Serie C usufruire di questo strumento vuol dire anche introitare risorse finanziarie necessarie per arrivare alla sostenibilità economica, che è condizione indispensabile perché la storia del calcio dei Comuni d’Italia non venga ridimensionata o travolta di fronte alla cieca legge del mercato. L’apprendistato è uno strumento essenziale e qualsiasi ritardo nell’approvazione rischia di pregiudicare un processo di cambiamento epocale” continua Ghirelli.

Il presidente della Lega Pro è intervenuto anche su un altro aspetto della riforma. “Il legislatore ha l’opportunità di risolvere un annoso problema che affligge il calcio professionistico da anni, vale a dire la possibilità di porre un veto all’acquisto di quote o azioni societarie da parte di soggetti non proprio trasparenti. Introdurre dei paletti ex ante, come avviene nel sistema anglosassone, e non a cose fatte sarebbe un evento epocale nel sistema dei controlli e una garanzia della regolarità del campionato” conclude Ghirelli.

 

 

Ufficio Comunicazione

Lega Italiana Calcio Professionistico

 

A questo link la rubirca con tutte le “FOTO STORICHE”   



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'