• Romagna Sport
  • Marche Sport

Volley

Federico Poli: 'La pallavolo - per me - è uno stile di vita'

Pagina 1 di 1

14/05/2022

Federico Poli: 'La pallavolo - per  me - è uno stile di vita'

 

"Il lavoro duro batte il talento quando il talento non lavora duro". 

Con questa frase inizia a raccontarsi Federico Poli.....un ragazzo solare, sempre con il sorriso e con la pallavolo nel suo DNA....anche a carriera terminata 

"In campo giocavo da libero" - incalza l'ex pallavolista classe 1988, ferrarese doc - "sono stato un giocatore quadrato: non troppo talentuoso, però mi allenavo sempre dando il massimo e non mollando mai". 

Un percorso davvero prestigioso 

"La mia passione per questo meraviglioso sport è sbocciata quando avevo 7 anni. A 17 anni sono stato aggregato con la squadra di Ferrara in serie A (ci giocava Mengozzi, fresco finalista Scudetto) e a 18 ho esordito in B1 sempre nella città Estense, tra i più giovani del campionato, giocando nella mia bellissima città fino ai 23. Poi Monselice - sempre in B1 - per 2 stagioni, successivamente un anno in Norvegia dove ho militato nel campionato di serie A. In seguito, il mio ritorno a Monselice in B1 (conquistando un 4°posto). Ho proseguito a Ferrara per i successivi 2 anni, sfiorando i playoff nella seconda stagione. Mi sono poi spostato a Bologna, centrando un 2°posto nella prima stagione (campionato bloccato per Covid-19), playoff con promozione in serie A3 l'anno successivo. Ho smesso di giocare a Dicembre 2021- in serie A nella città felsinea - perchè mi sono trasferito a Udine per lavoro". 

"Sono soddisfatto della mia carriera giocata", prosegue Federico Poli. "Rimpianti? Dopo essere diventato maggiorenne sarei potuto andar via da Ferrara, ma mi aveva bloccato l'Univsità che stavo iniziando (temevo di non potermi dedicare nel migliore dei modi verso gli studi): forse, in quella circostanza, mi sono bruciato qualcosa. A distanza di 2 anni, non avevo colto una seconda possibilità perchè volevo studiare.....credo comunque, col senno di poi, di aver fatto la scelta giusta. Mi sarebbe piaciuto arrivare in Superlega, ma spero in mio fratello: ha tutte le doti per arrivarci". 

Tante le gioie 

"Ho esordito, a 18 anni, in una squadra di ex nazionali e giocatori di categorie superiori a fine carriera. Il primo anno di playoff a Ferrara e l'ultimo anno (sempre a Ferrara) dove avevamo creato, nel girone di ritorno, un'affinità estrema. Non dimentico la stagione in Norvegia: mi è servita per gli anni successivi. Monselice è stata una parentesi molto divertente e Bologna, invece, molto stimolante". 

Il presente 

"Attualmente mi occupo di ingegneria e lavoro in ambito gestionale commerciale. E continuo a praticare sport, nel tempo libero: mi alleno con una squadra di Udine, gioco a beach volley, faccio pilates e scio tanto. Inoltre ho anche una bellissima Mountain Bike arrivata da pochissimo. Che dire? Mi piace appassionarmi, credo sia una dote". 

In conclusione

"Risonanza emotiva ed entusiasmo creano una sinergia positiva e contagiosa. A volte sono determinati". 

Enrico Ferranti
Seguici su Facebook: VOLLEY  EMILIAROMAGNA

Commenti

PUBBLICITA'