In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Volley

Esperia Cremona vs Conad Alsenese, il prepartita

La ex dell'incontro Fanzini: "Per me è sempre una gara speciale"

15/11/2019


Esperia Cremona  vs Conad Alsenese, il prepartita

Caterina-Fanzini


 Alseno (PC), 14 novembre 2019 – Incroci e deja-vu insidiosi. La Conad Alsenese alza l'asticella dell'attenzione in occasione della quinta giornata di campionato quando sabato 16 novembre (ore 20:30 al PalaCambonino) attraverserà il Po per fare visita all'attrezzata Esperia Cremona, formazione a 6 punti e con la quale ha intrecciato più volte il proprio destino nelle ultime stagioni.

 

Le gialloblu di mister Simone Mazza, a quota 3 e rinfrancate proprio dal primo successo stagionale contro Biella, da quando sono salite in B2 affronteranno per la quinta volta in assoluto la squadra cremonese (reduce da due sconfitte), nelle cui fila ci sono giocatrici e il tecnico Valeria Magri (ai tempi di Ostiano) che si scontrate più volte con le alsenesi vestendo altre maglie.

 

Le dichiarazioni – Per spiegare la sfida tra Conad ed Esperia accendiamo la macchina del tempo e torniamo indietro di più di dieci anni: nel 2007/08 Cremona è in A2 e disputa i playoff promozione che poi perderà contro la Riso Scotti Pavia in quattro gare, mentre l'Alsenese è impegnata nel più anonimo campionato di Prima Divisione Femminile. In tutto questo periodo una piazza scendeva e l'altra scalava le categorie ma fra loro il denominatore comune si chiama Caterina Fanzini: era in campo allora per Cremona, con la maglia numero 5, durante quelle finali ed oggi invece, col numero sette, è alla sua quarta stagione con la Conad. Per lei, fidentina classe '85, che poi ha calcato taraflex italiani ed europei, non sarà una gara come le altre, anche se parte dalla stretta attualità: “Arriviamo a Cremona con uno spirito diverso dopo la prima bella ed importante vittoria in campionato che ci ha dato un po' di respiro visto l'inizio di stagione traballante. Sicuramente l'Esperia ci darà del filo da torcere perchè è un'ottima squadra, che ha iniziato bene con due vittorie perdendo poi le due partite successive, quindi anche loro sono in cerca di punti. Il Cambonino non è un palazzetto semplice in cui giocare, però noi vogliamo mantenere aperta la striscia positiva e, sembrerà banale, ma daremo il 100% perchè abbiamo capito che ogni partita sarà una battaglia e non sarà mai facile fare punti. Stiamo lavorando molto in palestra, sistemando le cose che non andavano e già contro Biella il lavoro ha portato buoni risultati. Personalmente mi fa sempre piacere tornare a giocare a Cremona perchè la stessa dirigenza di adesso è quella che ho incrociato tanti anni fa, con cui ho iniziato la mia esperienza in Serie A e passando tre anni bellissimi. Per me è una partita speciale e naturalmente spero di uscire dal campo con più punti possibili.”

 

L'avversaria – L'Esperia Cremona è una società nata nel 1961 e si può considerare una nobile decaduta del panorama pallavolistico nazionale. Il sodalizio d'oltre Po ha raggiunto il suo massimo splendore dal 2005/06 al 2008/09 disputando consecutivamente quattro campionati di serie A2 (le partite casalinghe si giocavano al PalaRadi, ora casa della Pomi Casalmaggiore, che all'epoca stava addirittura nascendo) e sfiorando la promozione nel 2007/08 quando perse in quattro gare la storica finale dei playoff contro la Riso Scotti Pavia. Cremona fece ancora un anno nella categoria, accedendo per la terza volta consecutiva alla post-season (uscì ai quarti contro il Cariparma) poi iniziò un deciso declino economico, tipico purtroppo di molte piazze del volley, che la portò ai campionati di serie B, ottenuti grazie ad una serie di compravendita di titoli sportivi. Nell'estate 2017 proprio con uno di questi scambi (prendendo il diritto di Lodi) l'Esperia Cremona ha potuto garantirsi ancora la partecipazione di serie B2 dopo aver chiuso il campionato precedente al penultimo posto. La scorsa annata la formazione cremonese, inserita nel girone E, ha chiuso al secondo posto a 57 punti la regular season per poi conquistare la promozione in B1 vincendo la finale playoff contro l'Anderlini Modena (2-0) dopo aver eliminato Donoratico in due gare ai quarti. Tenendo conto dell'assenza della lungodegente Marta Ghisolfi (infortunatasi al crociato e menisco del ginocchio sinistro lo scorso luglio), l'unica ex dell'incontro è Caterina Fanzini che ha iniziato la sua esperienza in A2 proprio con Cremona, restandoci per tre stagioni dal 2006/07 al 2008/09, prima di essere ingaggiata in A1 dalla Foppapedretti Bergamo.

 

I precedenti – Quello che andrà in scena al PalaCambonino sarà il quinto scontro tra Esperia Cremona e Conad Alsenese: gli altri quattro precedenti sono relativi ai campionati di Serie B2. Nella stagione 2016/17, l'allora neopromossa Alsenese vince 3-1 a Cremona (4a giornata, 05/11/16) e 3-0 in casa (17a giornata, 18/02/17) mentre nell'annata successiva, 2017/18, è l'Esperia a centrare la doppietta grazie al successo interno per 3-0 (12a giornata, 13/01/18) ed esterno per 3-2 (25a giornata, 28/4/18).

 

Gli arbitri – A dirigere la partita tra l'Esperia Cremona e Conad Alsenese saranno il primo arbitro David Kronaj e il secondo Antonio Mazzarà.

 

 

 

Ufficio Stampa Pallavolo Alsenese

 

Simone Carpanini




Esperia Cremona vs Conad Alsenese 2-3 (23-25, 25-16, 25-19, 23-25, 16-14)

18/11/2019


Esperia Cremona vs Conad Alsenese 2-3 (23-25, 25-16, 25-19, 23-25, 16-14)

 

 

Alseno (PC), 17 novembre 2019 – Dopo due ore abbondanti di maratona pallavolistica può capitare che non tutte le rimonte vadano a buon fine. Una combattiva Conad Alsenese – nel corso della quinta giornata di campionato – al PalaCambonino di Cremona non completa l'impresa dopo aver raddrizzato un match complicato con l'Esperia cedendo per 3-2 (23-25, 25-16, 25-19, 23-25, 16-14) e riuscendo tuttavia a muovere la classifica (ora a quota 4).

 

Le ragazze di coach Simone Mazza, dopo un primo set intenso e vinto al fotofinish, soffrono la verve della ben attrezzata formazione cremonese (salite al quinto posto ad 8 punti) nei successivi due e per metà del quarto fino ad un preoccupante 17-11 ma sono brave a non perdersi d'animo ritrovando la parità con un recupero sensazionale. Nel tie-break Amasanti e compagne inseguono, impattano la contesa, sprecano un match-ball però si spengono sul più bello.

 

Nel prossimo turno – sabato 23 novembre alle 18 – la Conad Alsenese andrà a Vigevano a fare visita alla Florens Re Marcello (6 punti), squadra che ha appena osservato il proprio turno di riposo.

 

La partita – Un mezzo derby, non solo per la vicinanza geografica quanto per i precedenti tra le protagoniste in campo, quello tra Esperia Cremona e Conad Alsenese che arrivano alla propria sfida con intenti diversi: riscatto per le padrone di casa dopo due sconfitte consecutive, voglia di allungare la striscia positiva per le piacentine. Mister Simone Mazza deve rinunciare ancora a Marcone e schiera quasi il sestetto della settimana scorsa con la diagonale Lancini-Visintini, Fanzini-Tosi in posto quattro e proponendo la novità al centro dal primo minuto di Fava in coppia con Dall'Acqua con Pastrenge libero, mentre dall'altra parte coach Valeria Magri dispone le sue ragazze con Arcuri al palleggio, Lodi opposto, Decordi-Pionelli in banda, Rivoltella-Raccagni e Zampedri libero.

 

Il primo set parte bene per la Conad che dimostra di essere subito in serata doppiando l'Esperia (5-10) e volando rapidamente fino al 10-18 guidata dalla Visintini e Tosi. Da quel momento in poi qualcosa si inceppa nel meccanismo dell'Alsenese che prima si innervosisce oltremodo prendendo un giallo poi concede un pericolo break alle padrone di casa che raggiungono il pari a quota 20. Il finale è intenso ma Tosi chiude sul 23-25.

 

Il secondo parziale va come il precedente ma a favore di Cremona (10-5 e 18-10) che non si lascia rimontare chiudendo con ampio margine sul 25-16.

 

Anche la terza frazione ha un andamento simile alla precendente con la Conad che perde via via contatto sotto i colpi di una scatenata Lodi (19-11). Le ragazze di mister Mazza hanno una reazione d'orgoglio tardiva (20-15) riuscendo successivamente ad annullare tre-set ball prima che un pallonetto di Castellini determini il 25-19.

 

Nel quarto set la serata sembra segnarsi negativamente per l'Alsenese che non riesce più a trovare il bandolo della matassa e il 17-11 si palesa come l'inizio della fine. Invece no, Cremona diventa imprecisa mentre la Conad alza l'asticella dell'attenzione grazie ad una buona correlazione muro-difesa che tiene vivo ogni pallone alimentando il proprio attacco fino all'incredibile e lunghissima rincorsa al 23-23 su errore di Lodi. Il finale è da cuore in gola: Visintini firma un ace e Lancini sbatte il proprio muro in faccia a Decordi per il 23-25.

 

Nel tie-break la Conad prova a sfruttare l'inerzia positiva (1-3) ma non regge e al cambio campo insegue di poco (8-6) prima di vedere il baratro sul 12-8 di Pionelli. Proprio come prima però le alsenesi tornano reattive, impattano a quota 13 e arrivano ad un passo dall'impresa sprecando un match-ball sul 13-14. La stanchezza di fa sentire da entrambe le parti, vince chi sbaglia meno: una diagonale di Lodi (7 punti nel quinto set) sancisce il 16-14 per il 3-2 conclusivo.

 

Le dichiarazioni – Il match in casa dell'Esperia Cremona non sarebbe stato semplice per la Conad Alsenese, lo si sapeva alla vigilia. Il campo ha emesso un verdetto che, al di là del risultato finale, lascia piuttosto soddisfatto mister Simone Mazza: “Sono abbastanza contento perchè si vedono alcuni meccanismi di squadra che piano piano vengono fuori e per l'atteggiamento più deciso in campo, anche se in alcune situazioni le ragazze devono tirare fuori un po' più di coraggio. Ad esempio nel primo set eravamo avanti di otto lunghezze, abbiamo rallentato e le avversarie sono tornate in partite e questo è campionato, per noi, dove bisogna rischiare qualcosa sempre. Non so quale sia la vera Conad, se quella che si fa rimontare nel primo set o quella che recupera nel quarto, però quelle sono occasioni che capitano nel set con incastri di rotazioni. Piuttosto devo dire che Cremona è una squadra molto tosta, che ha due buonissime bande e un opposto che tira e stasera non è stato facile per noi, specialmente qui nel loro palazzetto.”

 

 

 

ESPERIA CREMONA-CONAD ALSENESE 2-3 (23-25, 25-16, 25-19, 23-25, 16-14)

 

Esperia Cremona: Lodi 29, Decordi 15, Arcuri 1, Rivoltella 13, Pionelli 17, Raccagni 6, Zampedri (L); Zagni, Brandini, Castellini 1. N.e.: Bassi, Melgari. All. Valeria Magri, v.all. Gabriele Denti.

 

Conad Alsenese: Dall'Acqua 10, Visintini 23, Lancini 7, Fanzini 11, Tosi 8, Fava 5, Pastrenge (L); Candio, Visconti. N.e.: Amasanti, Frigeri, Marcone (L), Rovellini. All. Simone Mazza, v.all. Giacomo Rigoni.

 

Ace: Cremona 9, Conad 5. Muri: Cremona 9, Conad 10. Attacco: Cremona 35%, Conad 29%. Ricezione: Cremona 65% Conad 57%.

 

Arbitri: David Kronaj, Antonio Mazzarà.

 

Durata set: 29', 22', 25', 26', 22'. Totale: 2h04'.

 

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa Pallavolo Alsenese

 

Simone Carpanini



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'