• Romagna Sport
  • Marche Sport

Atletica

Elezioni federali - Massimo Cavini a un passo da Roma

01/02/2021

Elezioni federali - Massimo Cavini a un passo da Roma

 

Il presidente dell’Atletica Imola a un passo dall’elezione in Consiglio federale a fianco del neo-presidente Stefano Mei. 

Seguici su Facebook: ATLETICA EMILIAROMAGNA

 

Massimo Cavini, da sempre schierato assieme alla società di cui è presidente a fianco del campione europeo dei 10.000 a Stoccarda 1986, ha da subito sostenuto la candidatura dello spezzino, con il quale ha condiviso da giovane le piste di atletica da protagonista. Primo dei non eletti in quota dirigenti nel nuovo consiglio della Federazione Italiana di Atletica Leggera, Cavini è soddisfatto per la vittoria ottenuta da Stefano Mei e da tutta la squadra. 

«Il nostro obiettivo era quello di aiutare Stefano Mei nel suo progetto di cambiamento dell’atletica italiana. Il nostro voto (dell’Atletica Imola Sacmi Avis, ndr) per lui era scontato ma ho voluto offrigli una disponibilità maggiore schierandomi apertamente con lui con la speranza di favorirlo nella raccolta delle preferenze. Nella competizione elettorale, nonostante la voluta sottoesposizione mediatica personale ho rischiato di entrare in consiglio federale. Un nuovo consiglio federale che avrà un bravissimo Presidente ma una fortissima componente di consiglieri della vecchia guardia, con interessi molto lontani dall’atletica, che renderanno il lavoro di Mei e della sua squadra (in minoranza) molto difficile. In un contesto simile, visti i vari impegni lavorativi, familiari e sportivi che non avevo alcuna intenzione di trascurare mi è andata molto bene. Ringrazio tutti quelli che hanno tifato per me nella speranza di avere una rappresentatività a Roma ma direi che avremo dalla nostra parte un Presidente che ci apprezza molto». 

Un grande in bocca al lupo per la nuova avventura a Stefano Mei, che ha aperto così il suo mandato: «Spero di poter essere il presidente che unisce, datemi fiducia e riusciremo a portare l’atletica dove deve stare»

 

Commenti

PUBBLICITA'

PUBBLICITA'