In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Atletica

CDS assoluti, il Galli si fa bello con il successo della finale argento

Ad Imola una due giorni di grande atletica dal 15 al 16 giugno

18/06/2019


CDS assoluti, il Galli si fa bello con il successo della finale argento

Imola, 17giugno2019. Successo doveva essere e così è stato. La Finale nazionale Argentodei Cds Assoluti, disputata al Romeo Galli dal 15 al 16 giugno, ha infatti rispettato i pronostici e, complice un’organizzazione perfetta da parte della nostra società, è risultata essere uno degli eventi più apprezzati nel panorama nazionale. «Tutte le squadre partecipanti sono venute a farci i complimenti –ha commentato il presidente Massimo Cavini-, affermando che nemmeno in eventi più importanti hanno trovato questo tipo di organizzazione. Per noi questo è motivo di orgoglio e lo è anche per la città, con circa cinquecento persone che hanno riempito gli alberghi. A livello sportivo poiabbiamo visto al via atleti di primissimo valore che hanno dato vita a gare di assoluto livello, complice anche la nuova pista molto veloce».

Per la cronaca le vittorie sono andate, tra gli uomini, all’Assindustria Sport Padova(159 punti)mentre, tra le donne, allaPro Sesto Atletica(158 punti). Solamente nona la Sacmi Avis(123 punti) che così è retrocessa in Bronzo, insieme a Quercia Trentingrana Rovereto, Aden Exprivia Molfettae Cus Torino.«Siamo stati anche sfortunati, perché finiti a pari merito con l’Emilsider Bologna, ma condannati per una vittoria individuale in meno –ha precisato Cavini -. Durante questi due giorni abbiamo perso qualche punto in diverse gare, altrimentiavremmo potuto lottare per le prime posizioni. La prestazione complessiva non è stata ottimale, ma alcuni nostri atleti sono stati fantastici. Alla fine, però, la Finale Argento si è dimostrata equilibrata e i risultati hanno confermato i pronostici della vigilia».

Alla prossima finale Oro, quindi, parteciperanno tra gli uomini, oltre ovviamente a Padova, anche Virtus Cassa di Risparmio Lucca, Cus Palermoe Brugnera Friulintagli(132,5). Al femminile, invece, in aggiunta al club lombardo anche Toscana Atl.Empoli Nissan, Us Quercia Trentingrana Rovereto e Atl. Arcs Cus Perugia.«Padova ha meritato il successo–ha concluso il presidente -, perché si è dimostrata una società di altra categoria». 

PRESTAZIONI INDIVIDUALI. Dasegnalare la 18enne VittoriaFontana(Fanfulla Lodigiana) che ha bissato la vittoria nei 100 anche nei 200 con un ottimo 23’’65, migliorandosi di quasi tre decimie diventando l’ottava under 20 italiana di sempre. La mezzofondista EleonoraVandi(Atl. Avis Macerata), invece, ha conquistato gli800 in 2’04’’54.Applausi, infine, nell’asta per la 24enne FrancescaBoccia(Atl. Livorno), protagonista di un doppio record personale fino a 4.20.In campo maschile, nei 200, il 22enne DiegoPettorossi(Emilsider Bologna)con 21’’04 ha toltoquindici centesimi al proprio personale, dopo essere sceso a 10’’52 nella vittoria sui 100.

Nel peso, successoperil bronzo olimpico giovanileCarmeloAlessandroMusci(Atl. Aden Exprivia Molfetta) con17.66che poi si è ripetuto nel disco (53.01).Doppiette,inoltre, ancheper l’ugandese OscarChelimo(Assindustria Sport Padova) nei 1500 e nei 3000 e perMoniaCantarella(Atl. Arcs Cus Perugia) nel peso enel disco. 

SACMI AVIS.Nonostante il 9° posto finale sono arrivate tre medaglieper la nostra società. Oro per un grandissimo Francesco Contiche, negli 800, ha fermato il cronometro in 1’53’’90. Stesso metallo prezioso anche per la staffetta 4x400(Lorenzo Pederzoli, Enrico Ghilardini, Alex Pagnini e Francesco Conti)che, con 3’15’’46, oltre a frantumare il record imolese, ha staccato il pass per campionati italiani assoluti. Ottimo 3° posto, invece, per Michele Brininel giavellotto. Per lui, in forse fino all’ultimo causa infortunio, nuovo record imolese con 59.39, mentre nei 110 hs ha firmato il suo personale (5° in 15’’01). Nessuna medaglia, ma complimenti, infine, perAndrea Mazzantiche si è migliorato ancora nei400 hs (55’’49) chiudendo 8°, per poi sostituire egregiamente Pietro Ravagli nel triplo. 

Risultati e classifiche: http://www.fidal.it/risultati/2019/COD7609/Index.htm

Ufficio Stampa Atletica Imola Sacmi Avis

Davide Benericetti 

Cell. 349/3696409

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'