In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Atletica

CdS Assoluti, a Firenze la Fratellanza per la Finale Oro

14/06/2019


CdS Assoluti, a Firenze la Fratellanza per la Finale Oro

 

Fine settimana dell’atletica incentrato sulle Finali Nazionali dei CdS Assoluti per gli atleti di tutta Italia. La Fratellanza dopo le due fasi regionali ha acquisito il diritto di disputare sia con la squadra maschile che con quella femminile la Finale Oro, che metterà in palio a Firenze gli Scudetti 2019. Diverse le assenze importanti e gli atleti che stringeranno i denti nella compagine gialloblù, ma entrambe le formazioni sono pronte a dare battaglia per provare a migliorare ulteriormente i piazzamenti del 2018.

 

 

 

Velocità alla ricerca di exploit personali e di conferme dalle staffette

 

Le gare di velocità vedranno Andrei Zlatan protagonista sui 100 e 200 metri, con maggiori possibilità di un piazzamento di prestigio nella gara più veloce. Sui 400 metri, invece, Luca Calvano potrebbe giocarsi uno dei posti ai piedi del podio e l’ottima condizione messa in mostra nelle ultime settimane di certo lo aiuterà ad esprimersi al meglio. In campo femminile sarà battaglia sui 100 metri, con Laura Fattori pronta a difendere i colori gialloblù, mentre sui 200 metri ci sarà Anna Cavalieri a cercare un nuovo exploit in una stagione che l’ha vista più e più volte migliorare i personali anche sul giro di pista. Sul giro di pista, invece, torna in maglia Fratellanza l’azzurra Raphaela Lukudo che lotterà con le compagne di Nazionale Chigbolu e Trevisan. Nelle staffette, invece, la 4x100 maschile dopo il titolo italiano Promesse punterà a difendere il miglior accredito anche in questa finale, mentre la formazione femminile appare sempre la prima rivale delle fortissime bresciane.

 

 

 

Mezzofondo, squadra agguerrita

 

Nel mezzofondo le maggiori attese al maschile sono riposte nei portacolori gialloblù in forza all’Aereonautica Militare. Sui 5000 Alessandro Giacobazzi si dovrà confrontare con un parterre di avversari particolarmente agguerrito, mentre nei 3000 siepi Simone Colombini è il primo accredito alle spalle dell’ugandese Chemutai “acquistato” per l’occasione dall’Alperia di Bolzano.

 

Particolarmente vicine nei tempi di accredito le protagoniste femminile degli 800 metri, con Joyce Mattagliano a guidare il gruppone in cui è presente anche la modenese Chiara Casolari che coltiva interessanti chance anche sui 1500 metri. Quarto tempo d’accredito per Maria Chiara Cascavilla sui 5000 metri, mentre nei 3000 siepi Francesca Bertoni dovrà rintuzzare gli attacchi di Laura Dalla Montà dell’Assindustria Sport Padova.

 

 

 

Salti, Romani ai vertici dell’alto

 

Dopo il nuovo record personale della scorsa settimana Nicole Romani è una delle pretendenti alle posizioni di vertice nella gara di salto in alto. L’asta vedrà in gara l’Allieva Giulia Cassanelli, mentre triplo e lungo saranno affidati a Costanza Gavioli. Al maschile Matteo Rubbiani cerca un guizzo nell’asta per un piazzamento alle spalle dei big così come nell’alto Marco Vendrame. Samuele Campi sarà invece il portacolori geminiano nei salti in estensione.

 

 

 

Lanci possibile fonte di punti importanti

 

Le possibilità di mettere in cascina punti importanti nei lanci sono affidate al maschile a Martin Pilato nel disco e Lorenzo Puliserti nel martello. Per entrambi l’accredito è a pochi metri dal migliore di specialità. Puliserti sarà poi impegnato anche nel lancio del peso, mentre il giavellotto vedrà protagonista Simone Coriani. In campo femminile in gara Lucilla e Martina Celeghini rispettivamente nelle proprie specialità preferite ovvero martello e disco. Lucia Quaglieri è l’atleta prescelta nel peso e poi completa la squadra Giulia Lodi nel giavellotto.

 

 

 

Trofeo Coni, Costanzini e Gavioli alla Finale Nazionale di Crotone

 

Dopo il rinvio nella data originariamente prevista poche settimane fa, mercoledì è andato in scena il Trofeo Coni dedicato alla categoria Ragazzi. L’importante appuntamento metteva a confronto atleti di tutta l’Emilia Romagna in gare su prove multiple e per i vincitori la possibilità di qualificarsi alla Finale Nazionale in programma a settembre a Crotone. Tre le tipologie di gare al maschile ed altrettante al femminile, con due successi firmati Fratellanza. Samuele Costanzini si è aggiudicato il Tetrathlon B (60 metri, 600 metri, salto in lungo e Vortex) ed in campo femminile Alessia Gavioli si è imposta davanti alla compagna Emma Martignani nel Tetrathlon A (60 metri, 600 metri, salto in alto e lancio del peso).

 

 

 

Non solo Trofeo Coni a Piacenza

 

Mercoledì sera sono andate in scena a Piacenza anche gare di velocità e mezzofondo per la categoria assoluta e gare riservate alla categoria Cadetti e Cadette.

 

Nei 100 metri femminili terza piazza per Federica Giannotti con il tempo di 12”35 realizzato in prima serie. Nella gara maschile quinta piazza per l’Allievo Matteo Corradini che dopo aver guadagnato la quarta piazza nella sua serie si è piazzato al quinto posto nella classifica generale con il crono di 11”37. Nelle gare della categoria Cadetti vittoria nel salto in alto per Gabriele Borellini con 1,60 metri realizzato al primo tentativo, in una gara condotta senza errori fino alla misura che ha segnato la sua vittoria. Nella gara femminile vittoria per Cecilia Rubino con 1,54, piazza d’onore per Greta Laura Remogrida con 1,48 metri valicato al secondo tentativo.

 

                                                                    

 

Sasso Marconi, Memorial Carbonchi

 

Il Memorial Carbonchi, vissuto con partecipazione da tutta l’organizzazione locale, vanta ogni anno un parterre di atleti sempre più prestigiosi. La zona fresca ha permesso di gareggiare in buone condizioni e così anche nel bolognese i modenesi si sono ben espressi in tutte le gare, dal mezzofondo ai concorsi passando dalla velocità.

 

 

 

800 e 3000 metri, la quota rosa della Fratellanza domina

 

Nel mezzofondo doppietta di vittorie al femminile. Negli 800 metri Chiara Tognin ha dovuto prender parte alla seconda batteria a causa di un alto tempo di accredito. La Junior seguita al campo scuola da Renzo Finelli ha tenuto testa alle avversarie vincendo in 2’18”59. Bene in prima batteria Giada Serafini che ha sfiorato il record personale terminando quinta in 2’21’05. Nella gara maschile quinto Alessandro Lombardi con 1’56”00, sesto Marlon Bettuzzi con il record personale di 1’56”99. Dai 3000 metri è arrivata l’altra prestazione di rilievo modenese. La protagonista è la soldatessa Christine Santi del C.S. Esercito, ex casa Fratellanza, che ha vinto la gara con distacco in 9’51”81, suo secondo miglior crono di sempre dal 2015. Quinta Alice Sgarbi con 10’46”09. 

 

 

 

Velocità, guasto tecnico

 

Un problema tecnico ha impedito la registrazione dei tempi della miglior serie femminile dei 200 metri. Le velociste ignare del guasto hanno corso al massimo delle potenzialità la loro gara, ma ciò che rimane è solo il piazzamento finale: seconda Federica Giannotti e quarta Irene Pini.

 

 

 

Concorsi, Tiddy vince l’alto

 

Nel salto in alto medaglia d’oro per Faye Tiddy che è riuscita a valicare il metro e sessantacinque al primo tentativo dopo aver tentennato alla misura di 1,63, superata all’ultima prova. Terza Anna Bondi con 1,60 metri. Nel salto in lungo medaglia di bronzo per Giorgio Setti che è riuscito ad atterrare a 6,51 metri all’ultima prova dopo una serie di nulli e due salti intorno ai 6 metri e venti. Nel getto del peso terzo Alex Tossani con la misura di 11,63 metri che è stata realizzata anche da lui come per Setti alla terza prova.

 

Andrea Lolli

Ufficio Stampa PdS Comunicazione

 

Laura Bertoni

Ufficio Stampa A.S. La Fratellanza 1874

 

A.S. La Fratellanza 1874



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'