In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Castelalrano si comincia: stasera il raduno ufficiale

16/08/2019


Castelalrano si comincia: stasera il raduno ufficiale

 

L'attesa è finalmente terminata: questa sera, venerdì 16 agosto, la Prima squadra di Asd Castellarano darà inizio agli allenamenti in vista dell'imminente annata agonistica di Promozione. C'è innanzitutto da segnalare una variazione di programma: oggi la squadra si recherà solo ed esclusivamente sul sintetico "don Bosco" di via Chiaviche, senza passare dallo stadio "Ferrarini". Ritrovo fissato per le ore 18, mentre la prima seduta stagionale scatterà mezz'ora dopo.

"In questi giorni, io e i giocatori ci siamo costantemente tenuti in contatto - spiega mister Roberto Lanzafame, confermatissimo alla guida del Castellarano - Dalle conversazioni che ho avuto, è emersa una grande attesa per il raduno di oggi: ciascuno di noi è animato dalla ferma volontà di mettersi al lavoro con intensità, umiltà e impegno. L'entusiasmo che si respira è dunque quello giusto, ancora prima di iniziare: peraltro la squadra sta complessivamente bene dal punto di vista fisico, e ciò rappresenta un motivo ulteriore per iniziare gli allenamenti con slancio e fiducia. Come è noto l'unico problema riguarda il portiere Emanuele Iori, che deve ancora riprendersi del tutto dal pesante infortunio del dicembre scorso: tuttavia, lui sta seguendo la strada giusta per arrivare a un completo ristabilimento in tempi non lunghi".

 

La squadra sarà al completo già questa sera?

"Non del tutto: mancheranno una decina di giocatori, che devono ancora tornare dalle rispettive vacanze. Ad ogni modo, domani è previsto il rientro di cinque-sei giocatori che stasera saranno assenti: da lunedì in avanti, potremo poi lavorare a ranghi completi".

 

Secondo molti addetti ai lavori, il Castellarano appare "condannato" a vincere: questo tipo di reputazione potrebbe rappresentare un peso sotto l'aspetto psicologico?

"Come sapete nel recente passato ho allenato il Castellarano Juniores, e anche in quel contesto ho dovuto affrontare lo stesso problema: squadra corazzata, squadra pigliatutto, organico fuoriserie e via discorrendo. Per quanto mi riguarda, credo di avere imparato ad andare oltre i condizionamenti che vengono dati dalle previsioni della vigilia. I pronostici non spostano di una virgola quella che sarà la mia impostazione di lavoro, e soprattutto mi terrò ben alla larga dal rischio di dormire sugli allori: è una concezione che ovviamente dovrò trasmettere a tutta la squadra, anche se credo che i nostri giocatori siano già da adesso sulla mia stessa lunghezza d'onda. E poi, come sappiamo bene, i valori sulla carta lasciano il tempo che trovano: ormai in Promozione non esistono più partite semplici, e questo Castellarano dovrà quotidianamente dimostrare di essere all'altezza della propria fama. Non solo durante le partite, ma pure nel lavoro di allenamento".

 

Il Castellarano sta facendo parlare di sè anche per l'acquisizione di mercato che è stata ufficializzata martedì pomeriggio: Nazzareno Belfasti è un vero lusso per la Promozione, non trovi?

"Senza ovviamente nulla togliere a tutti gli altri elementi che compongono la nostra rosa, ritengo che l'arrivo di Belfasti costituisca una vera e propria "ciliegina sulla torta". Credo che le sue potenzialità tecnico-agonistiche siano fuori discussione, e non a caso si tratta di un difensore che ha frequentato a lungo il mondo del professionismo: di certo, la sua presenza riveste un'importanza basilare per rinforzare e perfezionare ancora di più gli assetti del nostro organico. Tutto questo senza dimenticare lo spessore umano che caratterizza Nazzareno: in più lui è proprio di Castellarano, e credo che per lui il fatto di giocare in azulgrana rappresenti un significativo valore aggiunto in termini motivazionali. Detto questo, mi sia però concessa una nota più generale: dobbiamo sicuramente ringraziare la società, per avere costruito una rosa di elevato livello qualitativo. Di certo la dirigenza ha effettuato grandi sforzi, e quindi faremo di tutto per non deludere le attese".

 

Il primo impegno ufficiale sarà quello con la Coppa Italia: il 25 al "Ferrarini" arriverà il Polinago in occasione della prima giornata, e nei giorni successivi ci sarà il confronto con la Vignolese. Un girone alla portata, o avresti preferito confrontarti con altre avversarie?

"Innanzitutto, va sottolineato che in Promozione la Coppa Italia ha di fatto un'importanza uguale a quella del campionato: di conseguenza il preciso obiettivo che ci poniamo sta nell'andare avanti il più possibile, anche perchè riteniamo che l'attuale organico abbia i mezzi necessari per essere incisivo ed efficace in entrambe le competizioni. Negli ultimi anni, il Castellarano ha spesso stentato contro il Polinago: sarà quindi l'occasione giusta per infrangere una sorta di "tabù" che si è creato nel recente passato, e credo che tale aspetto sarà un motivo in più per inseguire la vittoria con la massima convinzione. Le nostre speranze di accedere alla fase successiva passano necessariamente attraverso una vittoria contro il Polinago: se a Vignola ci presentassimo a quota 3, si tratterebbe di un ottimo e utile biglietto da visita".

 

Parlando invece del campionato, il cammino azulgrana avrà inizio con numerosi derby: Scandianese/Casalgrandese, Riese, Vezzano e Baiso Secchia nelle prime cinque giornate...

"Una così grande quantità di derby nelle prime giornate potrà certamente entusiasmare il pubblico, e questo è senza dubbio un dato positivo: peraltro, spero fin da ora che la platea del Castellarano voglia accordarci il proprio prezioso e costante sostegno durante tutta la stagione 2019/2020. D'altronde, la conformazione del calendario non cambia proprio nulla nell'economia del nostro approccio alle gare: prima o poi le avversarie vanno affrontate tutte, e ciascuna delle nostre rivali nel girone B presenta dei rilevanti ostacoli da superare. Questo Castellarano è sicuramente strutturato per arrivare in alto, ma nulla è scritto in partenza. Per mirare davvero a un ruolo di primo piano nel campionato che sta per iniziare, bisognerà affrontare ogni avversaria con la medesima attenzione e scrupolosità: tutto ciò senza lasciarsi influenzare dall'ordine cronologico delle partite, o dalla collocazione geografica delle avversarie".

 

E' stata confermata l'amichevole di mercoledì prossimo, 21 agosto?

"Sì: dalle ore 17 affronteremo il Lentigione di serie D, sul campo parmense di Sorbolo. Un test senza dubbio di lusso, che ci servirà parecchio per crescere e per capire gli aspetti da migliorare a pochi giorni dall'esordio ufficiale".

 

* * *

 

L'ORGANICO. Ecco dunque la Prima squadra del Castellarano per la stagione agonistica 2019/2020: all'elenco dei riconfermati si è aggiunto anche Sandro Koduah, esperto difensore classe '90.

Portieri: Emanuele Iori (1990 - confermato), Fabio Leonardi ('97 - dal Vezzano), Luca Venturelli (2000 - dalla Reggiana Juniores nazionale).

Difensori: Nazzareno Belfasti ('93 - dalla Reggio Audace), Matteo Castellani (2000 - conf.), Alexander "Sandro" Koduah ('90 - conf.), Antonio Larotonda ('87 - dal Vultur Rionero), Riccardo Paganelli (1998 - conf.), Davide Pellesi (2000 - conf.), Michele Potenza (2002 - dal Settore giovanile), Davide Splendore ('93 - conf.).

Centrocampisti: Nicola Algeri ('94 - dalla Modenese), Hardy Nana Agyemang ('98 - dalla Bagnolese), Davide Cotella ('99 - conf.), Mattia Galli ('99 - conf.), Ahmed Guilouzi ('90 - conf.), Luca Paradisi ('93 - dalla Modenese), Matteo Serri (2000 - dal Castellarano Juniores).

Attaccanti: Riccardo Bettelli (2002 - dal Settore giovanile), Alessandro Forti (2000 - conf.), Giuseppe Greco ('83 - dall'Axys), Andrea Ierardi ('85 - dalla Virtus Castelfranco), Stefano Mucci ('97 - rientra dal Baiso Secchia per fine prestito), Andrea Toni ('83 - conf.).

Oltre a mister Lanzafame, lo staff comprende anche il suo vice Andrea Zini e il ds Luca Vassere: l'elenco si completa con l'allenatore dei portieri Manuel Gobbi e il preparatore atletico Daniele Dotto.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'