• Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Dilettanti

Promo D. Il punto. Bentivoglio Campione d'Inverno con due turni di anticipo.

Alle spalle della capolista lo Zola e' secondo e sorpassa il Faro, Portuense quarta forza.

Pagina 1 di 1

22/11/2021

Promo D. Il punto. Bentivoglio Campione d'Inverno con due turni di anticipo.

Passione e Promozione. Commento della  Promo D all’undicesima di andata

Bentivoglio Campione d'Inverno con due turni di anticipo, alle spalle Zola secondo sorpassa il Faro, Portuense quarta forza.

Il Bentivoglio non ha avversari e scocca per lui la settima vittoria di fila che gli vale mezzo titolo ;il Faro si ingarbuglia nel Fossolo e ne approfitta lo Zola secondo, autoritario e corsaro a Osteria;l' Atletico Castenaso impatta in casa rincorrendo il Sesto Imolese e la Portuense, vittoriosa a Sasso Marconi  lo supera, Libertas sempre piu' in orbita batte il Porretta di misura.

La capolista comanda a -31-, ed e' matematicamente  campione d'inverno con due turni di anticipo , Zola a 23,Faro a 22 e questo e' il podio . Portuense a 20, Atletico Castenaso 19, ecco la prima fascia. A centro classifica  Libertas CSP a 18 , Trebbo a 16 ,Osteria Grande e Porretta a 13, Sesto Imolese  a 12, Fossolo a 11, Sasso Marconi a 10 , Funo a 4 e chiude la classifica l’Airone,  con 3 punti.

23 reti segnate , 3 vittorie esterne, 2 pareggi.

Scendiamo in campo….

Bentivoglio dunque campione d'Inverno con due turni di anticipo .Con o senza Nik D'Este la legge della capolista non cambia e stavolta a rimetterci e' l'Airone dei ragazzi di Mister Gianfranco Sbarra che disputano la loro onesta partita ma giunge tuttavia la cinquina in una gara dove il gap tra prima ed ultima e'assoluto e lampante   motivo conduttore. Il rullo compressore di Mister Galletti,davanti ai propri beniamini,  si porta avanti subito in apertura con un rigore lampo  di Grazia, pareggia poco dopo Omar Soltana nella reazione ospite, poi un' altro penalty sanzionato dal Direttore di gara mette Gualberto in condizione di trasformare e raddoppiare, dando il via alla goleada dove trovano spazio in referto, nell’ordine, Teglia , Spadaccino e Ceresi.

 Al Fossolo Stadium e' 1 a 1 tra i bolognesi di Mister Santaniello e  la forte compagine di Mister Cati, che appiedato dal GS segue a bordo campo sostituito da Marco Zanini. I blues la sbloccano con  Filoni attorno alla mezzora. Il giocatore gaggese e' molto bravo anticipare tutta al difesa locale ed infilare Mantovani , approfittando del lancio del proprio estremo Masinara . La partita e' abbastanza equilibrata e sulla reazione dei locali e' Luis Fernandes a scoccare a colpo sicuro, Masinara respinge , ma giunge Matteo Manieri come un falco che sigla il pareggio bolognese. Nella seconda frazione le squadre si affrontano ad alto ritmo in un autentica battaglia agonistica senza pero' che si registrino occasioni di rilievo per alterare il pareggio maturato sul rettangolo verde .

 A Funo si aggiudica il derby il Trebbo corsaro di Mister Melotti  con una gara molto concreta e determinata dove il protagonista e' Mezgour autore di una doppietta vincente .  La gara parte con equilibrio, studio e diffidenza da parte delle due compagini ; sino al quarto d ‘ora ,quando Mezgour e’ molto bravo a leggere un retropassaggio azzardato verso  Cesari, si inserisce, dribbla l’estremo locale e deposita in rete per il vantaggio  orange.  Il Funo tenta la reazione andando vicino almeno due volte al pareggio , con Filippo Cini protagonista ed un grande Albertazzi che dice no. Dal riposo riparte ancora il Funo che si butta a capofitto senza pero’ riuscire a perforare la difesa del Trebbo. Anzi, gli arancioni piazzano il secondo gol mentre la pressione locale aumentava; stavolta e’ bravo Maccagnani a spizzare il lancio ricevuto, assistendo ancora Mezgour che batte Cesari per il raddoppio ospite. Nel finale arrembaggio del Funo, che non si da’ per vinto mostrando, anche se sconfitto, un grande carattere, e nel pieno recupero Lorenzo Veronesi ,dopo un batti e ribatti riesce ad infilare Albertazzi. La partita sembra non finire piu’, arrembaggio finale e di un soffio il Funo non riesce nell’impresa del pareggio , poi  giunge il fischio finale del Direttore per l’esultanza del Trebbo.  

 Al Carbonchi Stadium di Sasso Marconi la Portuense e’ corsara e raggiunge il quarto posto con una gara molto determinata , davanti ai giovani ragazzi di Mister  Collina la squadra di Baiesi , con il piglio dei giorni migliori, parte bene ed al quarto d' ora e' Sunday che in mischia spedisce nell'angolino. Vantaggio rossonero e gara un discesa . Alla mezzora a  Sunday  fa eco Denis Karapici con un bellissimo gol che si stampa nell’angolo di portagialloblu'. Il Sasso cerca la reazione soprattutto al rientro dall'intervallo, con la loro tenacia e velocita’ ,  ma i rossoneri la chiudono ancora con Sunday, oggi mattatore protagonista di una Portuense che ha davvero iniziato a carburare e che  raggiunge il quarto posto in graduatoria.

Partita vibrante e intensa al Negrini di Castenaso dove Atletico e Sesto Imolese danno vita ad un'avvincente ed emozionante pareggio, 2 a 2. Le due avversarie  si affrontano a viso aperto, senza  tatticismi , con ritmo, dando vita ad una bella ed emozionante partita trascinate dai loro giocatori più rappresentativi: Semprini per l'Atletico, giunto e festeggiato allo storico traguardo delle 500 partite in carriera e Marco Tattini per il Sesto.
Al 10 del  primo tempo  il Sesto passa in vantaggio: punizione dai 25 metri; si incarica della battuta Tattini che, con una parabola forte e precisa, scavalca la barriera e supera un incolpevole Musiani.
L' Atletico  reagisce  senza creare  particolari pericoli ad un attento Cagnani.
Le due squadre vanno al riposo e nella ripresa, dopo pochi minuti, l'Atletico pareggia: da un calcio d'angolo battuto da Semprini si genera una furibonda mischia in area del Sesto con  batti e ribatti fino a che la palla non arriva sui piedi di Coletti che è lesto a spingere la palla in rete.
La partita si accende e decolla , le due squadre tentano di portarsi a casa l'intera posta e si susseguono continui ribaltamenti di fronte che solo per disattenzione sull'ultimo passaggio non creano problemi ai due portieri e questo sino  al 71', quando, da una rimessa laterale  per il Sesto in zona d'attacco, Tirello serve Tattini che dopo il controllo con il petto si inventa una rovesciata mettendo la palla a centro area dove Dattoma anticipa tutti e con una gran girata al volo sotto la traversa batte nuovamente Musiani.
L'Atletico non ci sta e con grande carattere riparte , colpendo subito una traversa scaturita  da una mischia su palla ferma mentre il Sesto Imolese va alla ricerca del terzo gol. Si arriva così all'80' quando , da una punizione sul lato destro del campo, Semprini, sempre lui, il Mago  calcia con una traiettoria velenosa che attraversa tutta l'area fino a colpire il palo opposto ed entrare in rete per il definitivo 2-2 ,coronando per la squadra il pareggio e personalmente  una giornata da  incorniciare nella sua grande carrriera.
Cosi' giunge il triplice fischio di una gara onorata dall'atteggiamento e dalla prestazione delle due squadre in campo.

 

Al Comunale di Castel San Pietro altro ulteriore passo avanti della squadra castellana allenata da mister -Alessandro Evangelisti che nel match che la contrappone al giovanissimo Porretta , compagine in cui Mister "Eva" e' ex, riesce a prevalere di misura.

Gli arancioni schierano una squadra super under con ben 6 fuoriquota in formazione titolare mentre nella squadra biancooro sono 5.

Subito le redini del gioco sono prese dalla Libertas con diverse azioni orchestrate da capitan Riki Negroni e finalizzate da Andrea Rondoni e alle quali si oppone il bravissimo estremo difensore Ricci, in particolare su Formisano e Pozzato. Il Porretta si affida alle ripartenze delle proprie punte, sui piedi del pericoloso Adeyemi Abayomi ,sul quale fatica, ma alla fine prevale la coppia di centrali Balducci e Garuti.

Verso il termine del primo tempo la rete del vantaggio della Libertas che arriva su tiro di Formisano che Ricci ribatte, ma è lesto Imperato a sospingere il pallone dentro la rete in tap in . Nella seconda frazione il gioco , pur calando di ritmo, rimane tra i piedi dei padroni di casa ma il Porretta e' sempre in agguato e tenta con ogni mezzo di perforare la retroguardia della Libertas, ma l'ottima fase difensiva biancooro impedisce il concretizzarsi del pareggio dei bluorange.

Cala cosi' la nebbia sul glorioso Comunale e giunge il triplice fischio sulla partita ottimamente diretta e altrettanto disputata dalle due squadre con una Libertas sempre piu' lanciata ed il Porretta che conferma la bonta' e la tenacia della propria giovane ed energica compagine che offre ampie e concrete speranze ed aspettative  sul futuro del Club del Presidente Incoronato.

 

Al triplice fischio al Ferrante Ungarelli , nell'anticipo serale del sabato, davanti ad un centinaio di tifosi, lo Zola batte 3 ad 1 l'Osteria Grande. Nonostante l'Osteria metta tutto il cuore in campo resistendo alla grande per un tempo, passa la corazzata di Mister Zaza. Al pronti via in una piena serata invernale dalle prime battute comandano gli ospiti che al 5' sbloccano il match: Cugino al termine di una manovra insistita sferra un tiro velenoso, ribatte Leoni ma il piu ' lesto e' Tiago Tonelli, tap in e Zola avanti. L'Osteria non disarma anzi con calma si riorganizza ed inizia a spostarsi nella meta' campo della squadra di Zaza.Al 20' i biancoblu' guidati da Mister Marrese raccolgono i frutti dalla catena di mancina dove Gabrielli in percussione, al termine di una bellissima azione viene nettamente atterrato in area e il Direttore Cortese non ha esitazione alcuna nel decretare il penalty. Sul dischetto Michael Budriesi glaciale pareggia battendo e spiazzando Garoia a fil di palo opposto. La meta' di prima frazione esalta gli ospiti con la peculiare capacita' di dettare i tempi di ogni giocata con grande possesso palla in costruzione di manovra , ed improvvise palle accellerate nei piedi dei fuoriclasse avanzati.Ma l'Osteria si difende con ordine prendendo le misure e termina il primo tempo in parita', con grande merito. Nella ripresa gestione palla sempre allo Zola e dopo 10 minuti nella meta 'campo di casa , sugli sviluppi di un corner, Costantini con grande intelligenza, dal vertice di area lascia andare un diagonale che sorprende tutta la difesa biancoblu' ed e' il vantaggio ospite. L'Osteria tenta la reazione ma non punge e il pallino rimane allo Zola che gestisce. Nel finale, nel forcing biancoblu' la squadra si sbilancia e si registra il 3 a 1 ospite su autorete di Gabrielli, contestatissima e che rischia di mettere in tensione una gara bella ed avvincente, dove lo Zola si afferma con autorita ', da grande squadra.

Osteria Grande prova collettiva di cuore porra' risorse su altre avversarie, Zola costruito per stare dove si trova, sorpassa il Faro e si pone in piazza d'onore.

 

 La copertina e’ per i campioni d'inverno del Bentivoglio  

Arriva la 12’ ma giornata  round ….e quindi anticipo con il derby preappenninico al Cesare Sabattini tra il Porretta ed il Sasso Marconi , alle 20.30 di sabato 27.

Due match clou , al Vito Romagnoli di Gaggio Montano, tra Faro ed Atletico  e al Filippetti, tra Zola e Libertas Castel San Pietro. Per la capolista insidie nella tana del Trebbo , mentre Fossolo ricevera' l'Osteria, il Sesto il Funo e conclude il quadro  al Bellini, Portuense-Airone.

Allacciamo le cinture …..Passione e Promozione…

 Gianfilippo Rossi

Redazione ERS

 

 

 

Commenti

PUBBLICITA'