In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | 1a Categoria

# CAMPIONATI FERMI Le parole di Gianfranco Sbarra, allenatore dell'Airone

01/04/2020


# CAMPIONATI FERMI  Le parole di Gianfranco Sbarra, allenatore dell'Airone

Gianfranco Sbarra



Seguici su Dilettanti Bologna

 

 

L'Airone stava facendo un campionato straordinario, dopo la promozione dalla Seconda Categoria, abbiamo chiesto al suo mister e condottiero Gianfranco Sbarra un'opinione su quello che sta accadendo e accadrà:

 

*Questo periodo senza calcio lo stiamo vivendo male. A parte l'abitudine a respirare calcio 7 giorni su 7, questa forzata inattività ha bloccato tutto quello che stavamo facendo a livello tecnico. Soprattutto con il settore giovanile. L'affinamento del nostro metodo tecnico stava dando grandi risultati e bloccarne la progressione è un danno notevole per tutte le annate. Abbiamo anche dovuto sospendere il programma Udinese Academy, che perlomeno continua in videoconferenza, ma senza la formazione in campo. 

Anche i programmi di miglioramento del centro sportivo sono ovviamente fermi e questo influirà negativamente sull'attività futura. Insomma, peggio di così...

L'unica cosa positiva di questo periodo è che c'è il tempo per ripensare tutte le nostre strategie e programmare capillarmente cosa e come fare in futuro.

 

Il discorso allenamenti per noi è un tasto dolente. Per quella che è la nostra metodologia non possiamo prescindere da allenamenti di gruppo e con la palla. La semplice corsetta a noi non serve a nulla. Non potendo quindi programmare nulla di allenante ci siamo limitati a raccomandare ai giocatori di stare moderatamente in movimento sperando di poter avere almeno 10 giorni di lavoro quando ricominceremo.

 

Non so se ci saranno i presupposti per ricominciare, dipende dal periodo. Sarà comunque un'estate particolare per cui teoricamente potrebbe anche esserci il tempo, ma sarebbe un campionato vero? Obiettivamente la vedo complicata, ma ci adegueremo alle decisioni della Federazione.

 

Qualora congelassero il campionato non sarebbe scandaloso. Non si può certo negare che questa sia una vera causa di forza maggiore. Magari si potrebbe chiudere la classifica al girone di andata, quando tutti hanno incontrato tutte le altre. Poi per cosa fare successivamente non ne ho la più pallida idea. Come si farà ci sarà qualcuno scontento. Ma è inevitabile."

 

 

 

Alessandro Marzocchi



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'