In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Sinermatic Ozzano – Luciana Mosconi Ancona 74-64 (20-14, 14-21, 22-12, 18-17)

Di Alessandro Elia 19/01/2020


Sinermatic Ozzano – Luciana Mosconi Ancona 74-64 (20-14, 14-21, 22-12, 18-17)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


TERZO QUARTO FATALE LA LUCIANA MOSCONI CADE A OZZANO (74-64)

La sperata continuità non arriva. La Luciana Mosconi cade sul campo di Ozzano e deve fermare la sua immediata voglia di risalire la classifica. Dorici sconfitti dall’ordinata e intensa Sinermatic che trova l’allungo decisivo nel terzo quarto e quel vantaggio acquisito se lo porterà fin sotto la doccia. La Luciana Mosconi gioca bene il primo tempo, benissimo la seconda parte del secondo quarto che permette a Ferri e soci di tornare negli spogliatoi avanti di un punto. Poi a inizio di ripresa arriva il parziale davanti al quale i dorici non sapranno più rimontare. Inutile confrontare la prova dei dorici nell’accogliente palasport alle porte di Bologna con quella contro Fabriano. Sono mancati alcuni pezzi cardine, la difesa sui lunghi è risultata un costante rompicapo e le percentuali al tiro hanno sofferto l’oggettiva intensità degli ozzanesi che hanno interpretato al  meglio il loro gioco centrando alla fine la nona vittoria di una stagione già più che positiva.
Ozzano parte bene e trova subito in Crespi il suo massimo punto di riferimento in attacco. Il barbuto lungo di casa è già in doppia cifra nel primo quarto che vede la Sinermatic comandare fino al +8 (20-12) prima del canestro in entrata di Ianelli che d finisce il 20-14 della prima sirena. Dordei mette la firma sull’inizio di secondo quarto ma adesso c’è una Luciana Mosconi davvero attenta e precisa. Quaglia e Ianelli propiziano il buon momento dorico con gli ospiti che si rifanno sotto dopo 3′(23-19) costringendo la panchina locale al time out. La tripla di Dordei sarà l’ultimo canestro degli emiliani per un lungo periodo. In mezzo c’è Ancona capace di mettere il naso avanti grazie alle triple di Rinaldi e Centanni e all’appoggio da sotto di Quaglia (26-27). Ozzano è adesso solo Dordei e la Luciana Mosconi piazza un mini allungo fino al 28-32 con l’unica colpa di non aver sfruttato a dovere il black out degli avversari. La Sinermatic non segna ma la Luciana Mosconi non ne approfitta sbagliando troppe conclusioni in attacco. A 2′ dall’intervallo Ozzano riprende a segnare e controsorpassa con Montanari (34-32) prima che la tripla di Ferri, praticamente sulla sirena, mandi Ancona avanti di una lunghezza all’intervallo (34-35).
Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa sono sulle spalle del loro asse play-pivot. Montanari e Crespi segnano tutti i 14 punti di Ozzano nei primi 3′ e mezzo. La Sinermatic vola sul  48-39 con la Luciana Mosconi che dopo l’entrata in apertura di Centanni trova solo la miseria di 2 punti dalla lunetta. La Luciana Mosconi inizia così a rincorrere un avversario che rimarrà invece lucido e costantemente in vantaggio su una media di 10 punti. Al 26′ Mastrangelo segna la tripla del 53-41 ma Rinaldi e Timperi riportano gli ospiti di nuovo a vista (53-45). La terza sirena arriva con il parziale di 22-12 per Ozzano che subisce ancora sulla sirena il canestro di Ianelli imbeccato da Centanni dopo una rubata (56-47).
La Luciana Mosconi ha in apertura di ultima frazione la possibilità di riaprire tutto. Tripla di Gueye per il -6 ma Morara e ancora Dordei spengono i desideri anconetani riportando Ozzano a +11 (61-50). Quei 10 punti rimarranno un muro invalicabile da li alla fine per la Luciana Mosconi che non smette comunque di lottare. A 5′ dalla fine Gueye e Centanni segnano dalla lunetta per il 63-53. Timperi ci mette tutto il suo impeto e atletismo per il -9 (67-58) ma il tempo corre troppo. Ozzano gestisce e dalla lunetta tiene le distanze con quel maledetto -10 che rimane fino al suono della sirena finale.
Sinermatic Ozzano – Luciana Mosconi Ancona 74-64 (20-14, 14-21, 22-12, 18-17)
Sinermatic Ozzano: Luca Montanari 20 (3/3, 3/7), Riccardo Crespi 18 (9/13, 0/1), Luigi Dordei 10 (3/6, 1/1), Nunzio Corcelli 6 (3/5, 0/5), Riccardo Iattoni 5 (1/4, 1/4), Marco Morara 5 (0/0, 1/1), Matteo Galassi 4 (1/3, 0/1), Nicola Mastrangelo 3 (0/0, 1/3), Mario Chiusolo 3 (0/0, 1/2), Lorenzo Folli 0 (0/0, 0/0), Giancarlo Favali 0 (0/0, 0/0), Alessandro Lolli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 33 8 + 25 (Riccardo Iattoni 9) – Assist: 20 (Riccardo Iattoni 7)
Luciana Mosconi Ancona: Simone Centanni 17 (3/4, 2/5), Michele Ferri 8 (2/3, 1/4), Niccolò Rinaldi 8 (1/2, 2/2), Francesco Quaglia 8 (3/4, 0/0), Marco Timperi 7 (2/4, 1/4), Giovanni Iannelli 6 (3/8, 0/0), Ousmane Gueye 5 (0/0, 1/7), Lorenzo Baldoni 5 (1/2, 1/1), Thomas Monina 0 (0/0, 0/0), Iacopo Demarchi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 17 – Rimbalzi: 27 3 + 24 (Ousmane Gueye 6) – Assist: 17 (Simone Centanni 5)

Area Comunicazione e Stampa
Luciana Mosconi Ancona
Alessandro Elia




Sinermatic Ozzano – Luciana Mosconi Ancona 74-64 (20-14, 14-21, 22-12, 18-17)

Di Marco Rivola 19/01/2020


Sinermatic Ozzano – Luciana Mosconi Ancona 74-64 (20-14, 14-21, 22-12, 18-17)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


La Sinermatic torna in casa e torna la vittoria

 

I New Flying Balls pescano il primo successo del 2020. A farne le spese
è la Luciana Mosconi Ancona, che al Pala Arti Grafiche Reggiani cade 74
a 64 contro una buona Sinermatic, che trova in Montanari e Crespi i suoi
migliori finalizzatori con 20 e 18 punti a testa.

E’ proprio il pivot biancorosso numero 33, pescato ottimamente dai
compagni,  ad essere il protagonista in avvio: 6 punti in 3 minuti, nel
mezzo una tripla di Chiusolo, Baldoni e i liberi di Centanni per il 9-5
Sinermatic iniziale. Anche Corcelli e Iattoni trovano la via del
canestro, ma per gli ospiti c’è la pronta risposta del duo Ferri-Rinaldi
(13-12 al 6’). Sul finale di quarto ancora la coppia Crespi-Iattoni
concretizza il +6 della prima sirena (20-14).

Nel secondo periodo, dopo un gioco da tre punti di Dordei per il +9
Ozzano (23-14), la formazione marchigiana allenata da coach Rajola
cresce d’intensità e i suoi terminali offensivi (Centanni, Quaglia e
Rinaldi su tutti) cominciano a far male, firmando un parziale di 3-13
(per Ozzano bomba di Dordei) che vale il primo vantaggio della serata
per Ancona (26-27 al 13’). Coach Grandi, che perde Chiusolo per una
dolorosa botta e deve fare a meno di Morara gravato da tre falli, si
rifugia nel time out e sul parquet si affida a Gigi Dordei per il
controsorpasso Flying (28-27), seguito però da 5 punti di fila di un
ispirato Centanni che valgono il massimo vantaggio della Luciana Mosconi
(28-32) al 18’. Negli ultimi giri di lancette prima dell’intervallo
lungo Crespi e Montanari spingono di nuovo Ozzano avanti (34-32),prima
della tripla sulla sirena di Ferri per il 34-35 al riposo lungo.

Dal rientro dagli spogliatoi il protagonista sul terreno di gioco
diventa Luca Montanari. La guardia ex Crema prima insacca dalla lunga
distanza il 37-35 Sinermatic, poi, dopo il 37 pari firmato Centanni ,è
protagonista insieme a Crespi dell’8-1 di parziale che significa +7
Ozzano al minuto 23. Un tecnico per simulazione ferma la corsa di
Ozzano, con Ancona che accorcia con Ferri sul -6, ma è lo stesso
Montanari dai 6,75 a segnare al 24’ la bomba del +9 che fa esplodere il
Palasport ozzanese (48-39). Al minuto 26 i Flying Balls trovano un nuovo
massimo vantaggio, +12 (52-40), questa volta merito di Nicola
Mastranglo, che insacca da 3 punti. La reazione anconetana non tarda,
con Rinaldi e Timperi che riportano a -8 gli ospiti (52-44). Negli
ultimi 60 secondi del quarto Galassi si sblocca in contropiede e ridà ai
Flying la doppia cifra di vantaggio (+11 sul 56-45), ma Ancona è brava
ancora una volta a segnare sulla sirena, questa volta con Iannelli, il
-9 del trentesimo minuto (56-47).

Ancona è viva e nell’ultima frazione Gueye dall’arco timbra il -6 Ancona
(56-50). Ma la Sinermatic vuole a tutti i costi la vittoria e in 3
minuti con Morara, Dordei e Montanari trova un fondamentale +13
   (63-50), vantaggio che ha il sapore di ipoteca sul successo. Per la
Luciana Mosconi Ancona arriva però un ultimo sussulto: Centanni e
Timperi sono gli ultimi a mollare a con 5 punti di fila riportano i
neroverdi sul -8 costringendo coach Grandi al minuto di sospensione
(63-55 al 35’). Corcelli in penetrazione firma in 60 secondi prima il
nuovo +10,  poi il +12; parziale fermato dalla tripla di Timperi per -9
Ancona  a poco più di due minuti dalla fine (67-58). Ancona però nel
finale non riuscirà a riavvicinarsi oltre i tre possessi. I liberi
realizzati da Montanari nel finale suggellano il ventello personale e la
prima vittoria del 2020 per la Sinermatic Ozzano. Il 74 a 64 finale
garantisce ai Flying Balls otto punti di vantaggio in classifica sui
marchigiani (18 quelli biancorossi, 10 quelli neroverdi), con l’aggiunta
del doppio scontro diretto a favore degli emiliani (all’andata Ozzano
vinse di 11 lunghezze).

SINERMATIC OZZANO – LUCIANA MOSCONI ANCONA 74 – 64

Parziali: 20-14; 34-35; 56-47


OZZANO: Morara 5, Chiusolo 3, Mastrangelo 3, Corcelli 6,Iattoni 5,
Folli, Favali, Dordei 10, Lolli ne, Galassi 4, Montanari 20, Crespi 18 –
All. Grandi; Vice Pizzi

ANCONA: De Marchi ne, Centanni 17, Ferri 8, Quaglia 8, Monina ne,
Timperi 7, Baldoni 8, GUeye 5, Rinaldi 5, Iannelli6 – All. Rajola; Vice
Pancotto

Arbitri: Sordi (CR) – Cassina (MB)

Spettatori: 500 circa

Ufficio Stampa Sinermatic Ozzano
Marco Rivola



La Luciana Mosconi Ancona cerca continuità ad Ozzano

Di Alessandro Elia 17/01/2020


La Luciana Mosconi Ancona cerca continuità ad Ozzano

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

LA LUCIANA MOSCONI CERCA CONTINUITÀ AD OZZANO


Parola d’ordine CONTINUITA’. Dopo la grande vittoria contro Fabriano la Luciana Mosconi Ancona vuole ora ripetersi. Ma centrare la quarta vittoria nelle ultime cinque partite non sarà certo facile. I dorici vanno nella tana della New Flying Balls Ozzano, formazione che dopo 16 giornate occupa un posto che garantirebbe l’accesso ai playoff. Per la Luciana Mosconi una sorta di esame di maturità sul campo alle porte di Bologna. La grande prova contro la capolista Fabriano ha logicamente acceso gli entusiasmi e i bianconeroverdi devono cavalcare l’onda della bella vittoria per proseguire la risalita in classifica.
La squadra di Rajola ha lavorato con costanza e impegno durante la settimana, problemi soltanto relativi alla disponibilità del Palarossini che ha costretto alla squadra di svolgere allenamenti nel primo pomeriggio o a migrare al Palascherma come nel caso della seduta di venerdi. Logistica a parte Ferri e compagni godono di un sostanziale buono stato di forma e sono pronti alla sfida contro Ozzano che ha 16 punti in classifica, metà dei quali ottenuti nelle prime 4 giornate di campionato quando la squadra di Federico Grandi ha inanellato un quasi sorprendente poker di successi iniziali tra i quali quello della 2a giornata al Palarossini contro la Luciana Mosconi reduce dalla batosta dell’esordio a Fabriano. Dopo il 4-0 iniziale Ozzano ha poi incontrato una opposta serie di 4 sconfitte di fila. Il girone di andata si è poi chiuso a corrente alternata con 4 affermazioni nelle ultime 7 giornate. Ozzano arriva al match contro i dorici reduce da due k.o entrambi fuori casa (a Chieti e a Cesena nell’ultimo turno) Il miglior realizzatore degli emiliani è anche il giocatore più esperto, Luigi Dordei che viaggia a 11.5 punti e 5.5 rimbalzi di media. Dietro a lui c’è il play Luca Montanari (10.9 ppg) e l’ala Marco Morara (10.4ppg).
“Dobbiamo dare continuità alla prestazione offerta contro Fabriano – dice coach Rajola alla vigilia del match- Affrontiamo una squadra che in questo momento sarebbe meritatamente nei playoff e forse può ritenersi una delle più belle sorprese del campionato. Ozzano è squadra completa, profonda, mette in campo 10-11 giocatori e ha anche elementi intercambiabili che si possono alternare nei vari ruoli. Formazione giovane con un elemento esperto come Dordei che ha fatto sempre la differenza quando chiamato in causa. Giochiamo su un campo difficile, Ozzano in casa riesce ancora di più a esprimere il proprio gioco in velocità. Noi dobbiamo essere molto attenti e fare una partita molto intelligente per sperare di conquistare i due punti che sono per noi fondamentali pere proseguire la rincorsa a chi ci precede.”

La Luciana Mosconi sosterrà sabato mattina al Palascherma una sessione di tiro al termine partenza per Ozzano. Palla a due ore 20.30 al Palasport di Viale 2 Giugno, arbitri Paolo Sordi di Casalmorano (Cr) e Francesco Cassina di Desio (Mb).

Area Comunicazione e Stampa
Luciana Mosconi Ancona
Alessandro Elia



Ad Ozzano arriva Ancona; obiettivo tornare alla vittoria.

Di Marco Rivola 17/01/2020


Ad Ozzano arriva Ancona; obiettivo tornare alla vittoria.

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Ad Ozzano arriva Ancona; obiettivo tornare alla vittoria.

“Ancona è una squadra totalmente diversa rispetto a quella che abbiamo
affrontato all’andata.”  Così coach Federico Grandi ci inizia a
presentare la prossima sfida della Sinermatic, in programma sabato sera
al Pala Arti Grafiche Reggiani.

E il coach ozzanese ha ragione da vendere, perché la Luciana Mosconi che
verrà in Viale 2 Giugno sarà parecchio diversa a quella vista in terra
marchigiana nel primo fine settimana di ottobre. “Hanno recuperato il
pivot Baldoni (fuori all’andata per infortunio) – racconta Grandi -
hanno inserito Gueye e Iannelli e inoltre hanno cambiato la guida
tecnica affidando la squadra a Rajola, che è riuscito a sfruttare al
meglio la grande potenzialità del roster.”

I risultati recenti, non ultima la vittoria contro la capolista Fabriano
di domenica scorsa, confermano il salto di qualità fatto dai
bianco-verdi nell’ultimo mese, risaliti a quota 10 punti in classifica.
“Sono in un ottimo momento di forma con 3 vittorie nelle ultime 4
partite – avverte Grandi; “dall’ultimo posto in classifica sono
ritornati in piena lotta playoff”.

Dopo due ko di fila com’è invece l’umore in casa Sinermatic? “Noi siamo
in crescita, sia sotto l’aspetto fisico che tecnico. I ragazzi stanno
mettendo tanta voglia ed energia in allenamento perché vogliamo essere
protagonisti anche in questo girone di ritorno”.

Sabato sarà una sfida importante, ma sarà fondamentale non prendere
sotto gamba l’avversario. “Sabato ci aspetta una partita molto
insidiosa contro una squadra esperta e di talento: ritmo e intensità
saranno le chiavi per prenderci due punti molto importanti per
proseguire al meglio il nostro percorso.”

Finalmente però ritornate nella vostra casa. “Dopo un mese ritorniamo a
giocare in casa davanti alla nostra gente e questo ci deve dare quella
spinta in più per aggredire l’avversario dal primo all’ultimo secondo”.

L’appuntamento per i tifosi dei New Flying Balls, a quasi un mese di
distanza dall’ultimo match casalingo vinto contro Civitanova, è dunque
fissato per sabato, quando alle 20:30 i biancorossi sfideranno al Pala
Grafiche Reggiani il Campetto Basket Ancona, squadra temibile che ha in
Simone Centanni il proprio bomber di razza (oltre 16 punti di media per
lui). Ma fra gli ospiti ci saranno diversi terminali offensivi da tenere
in considerazione: dal già citato Gueye a Francesco Quaglia (ex
Fortituto Bologna e 10 punti di media a partita). Da non sottovalutare
inoltre l’esperto play Michele Ferri e il pivot Niccolò Rinaldi,
entrambi atleti con diversi punti frale mani e quest’ultimo fratello del
Tommaso Rinaldi visto quest’anno con la canotta di Rimini.

Una partita tutta da vivere, un girone di ritorno tutto ancora da giocare.

Ufficio Stampa Sinermatic Ozzano
Marco Rivola



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'