In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | Eccellenza

Spareggi Nazionali - Poggibonsi

Di Andrea L'Abbate 14/05/2019


Spareggi Nazionali - Poggibonsi

Fonte Pagina Fb Us Poggibonsi



Obiettivo Serie D. Senza se, senza ma. Il Poggibonsi vive con questo sogno fin dal mese di luglio 2018 quando scattò la preparazione pre-campionato. La squadra valdelsana (guai a chiamarli “senesi”, esiste infatti una fiera rivalità con la Città del Palio) era la favorita naturale del campionato di Eccellenza toscano girone B, dopo che la nuova dirigenza aveva rimesso in piedi una società retrocessa dalla D e “inguaiata” da proprietari che avevano portato il Poggibonsi sull’orlo del fallimento. Il presidente Mesce e il d.g. Guidi nel giro di due anni hanno risanato la società e rilanciato la squadra affidata da ormai due stagioni ad Alessio Bifini in panchina. I giallorossi non si sono mai nascosti e hanno fin da subito accettato senza paura il ruolo di candidata numero 1 alla vittoria del campionato. Nel campionato 2018/19 il Poggibonsi (a lungo in serie C2 fino a metà di questo decennio) ha però dovuto fare i conti un Grassina ai limiti della perfezione, dovendosi accontentare della seconda piazza nonostante i 72 punti conquistati in stagione regolare (a ben +8 di media inglese). Costretta ai play-off, ha sconfitto domenica scorsa in finale alle Due Strade di Firenze la Fortis Juventus per 3-0, sospinta dal solito grande pubblico che segue con grande affetto e partecipazione le vicende dei Leoni giallorossi. Il Poggibonsi è una squadra molto quadrata che vanta un reparto offensivo di tutto rispetto sia per quantità che per qualità, nel quale spiccano giocatori del calibro di Tito Marabese (ex Carrarese e autore di una doppietta nella finale play-off), Gabriele Vangi (ex Scandicci e Montevarchi) e Motti, giovane in quota del 1998 ex S.Donato Tavarnelle ma ormai punto fermo della squadra nel ruolo di punta centrale. Il capitano è Jacopo Galbiati, figlio d’arte, che guida un centrocampo compassato ma tecnico. A inizio anno la squadra era stata disegnata secondo il 4-2-3-1, ma ha poi trovato la quadratura passando al 4-3-3. Gioca le gare interne allo “Stefano Lotti” di Poggibonsi, impianto un po’ vetusto ma al quale è stato dato un piccolo ammodernamento nel corso dell’ultima stagione sportiva.

Andrea L’Abbate - www.almanaccocalciotoscano.it



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'