In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Calcio Femminile

Tigri contro Leonesse: il Ravenna va a caccia di punti nella tana del Brescia

10/11/2017


Tigri contro Leonesse: il Ravenna va a caccia di punti nella tana del Brescia

 

Tigri contro Leonesse. Sarà una sfida tutt'altro che agevole quella che a Brescia terrà a battesimo l'uscita del Ravenna guidato dal duo Balacich-Rizzo. La squadra biancorossa, fresca della prima vittoria stagionale in campionato ottenuta la scorsa giornata contro il Sassuolo, sfida la capolista (a pari merito con la Juventus) della Serie A. Gara non facile, ma alla quale le squadre si presenteranno con stati d'animo diversi. Da una parte, come detto, c'è un Ravenna forte della prima vittoria ottenuta in campionato dopo una prestazione convincente contro il Sassuolo, dall'altra un Brescia che in settimana ha subito una sconfitta nel turno di Champions contro le francesi del Montpellier. Il ko, pieno di rammarico, contro le transalpine ha messo in luce un Brescia come al solito determinato e capace di passare in vantaggio e reagire al recupero delle avversarie prima che la loro fisicità consentisse loro di vincere la partita di fronte ad un pubblico notevole di oltre mille persone. Il dubbio a cui dovrà rispondere il campo è ovviamente il solito: sarà un Brescia stanco e demoralizzato per la sconfitta oppure le Leonesse saranno arrabbiate e con tanta voglia di riscatto? L'appuntamento è fissato per le 14.30 in terra lombarda.

 

I precedenti. Biancorosse e biancazzurre si affrontano in campionato da pochi anni, vale a dire da quando il Ravenna è approdato nella massima serie. Il primo anno in Serie A il Ravenna si rivelò una vera bestia nera per le Leonesse, tanto da strappare un punto (2-2) in Lombardia e, poi, costringendo al Massimo Soprani le biancazzurre a salutare definitivamente i sogni di scudetto dopo averle sconfitte per 3-2. Nella stagione 2016/2017, invece, il Brescia si vendicò di quello sgarbo trionfando con un rotondo 7-0 al Massimo Soprani e 3-2 di fronte ai propri tifosi. Nella scorsa stagione il Ravenna mise in difficoltà il Brescia nella gara d'andata recuperando l'iniziale svantaggio firmato da Sara Gama dopo soli 4', ma subendo poi la maggior esperienza delle bresciane che fecero loro l'incontro per 4-2. Nella gara di ritorno, invece, nella tana delle Leonesse il Brescia si dimostrò travolgente conquistando sotto al diluvio i tre punti in palio con un rotondo 6-2.

 

Le parole dell'ex Raffaella Manieri. Nelle fila del Ravenna tornerà a Brescia da avversaria Raffaella Manieri. L'esperta e rocciosa centrale biancorossa non ha rancore nei confronti della sua vecchia squadra. "Il Brescia è molto cambiato ad allora, ma la mia esperienza con loro a prescindere da com'è andata mi ha fatto restare in buoni rapporti. Sarà bello poter giocare e magari far vedere la giocatrice che sono, cosa che non sono riuscita a far vedere a loro. Affronteremo una squadra nuova - spiega Raffaella -, ma comunque attrezzata e che è riuscita a trovare gli ingranaggi giusti e i risultati lo dimostrano. Sarà durissima farlo contro un collettivo che lotta per lo scudetto, ma dobbiamo cercare di vincere".

 

Gli arbitri. A dirigere l'incontro è stata designata Deborah Bianchi di Prato, coadiuvata dagli assistenti Pietro Tinelli di Treviglio e Matteo Taverna di Bergamo.

 

Il fine settimana della Primavera. Ripresasi alla grande dall'unica sconfitta subita fin qui in campionato fino a tornare in vetta alla classifica, la Primavera biancorossa sfiderà al Massimo Soprani l'Osteria Grande. Inizio della gara programmato per le 17.30.

Ravenna Woman Calcio Femminile

Ufficio Stampa




Brescia vs Ravenna 2-1

11/11/2017


Brescia vs Ravenna 2-1

Un primo tempo da incubo e una ripresa nella quale le biancorosse hanno messo in difficoltà le leonesse in evidente debito d’ossigeno. Ha il sapore dell’occasione sfruttata nel peggior modo possibile la trasferta in terra lombarda per la squadra di Balacich-Rizzo, che al “Club Azzurri” mette in mostra valore, voglia di lottare e sacrificarsi, anche in inferiorità numerica, ma lo fa solo dopo aver concesso un tempo alle avversarie che le esperte di mister Piovani sfruttano al meglio per conquistare prima il doppio vantaggio sbagliando anche numerose occasioni da gol anche grazie all’ennesima prestazione di grande qualità di Emma Guidi tra i pali. 

Balacich schiera in campo il Ravenna con il consueto 4-3-3, in avanti c’è Baldini nonostante un fastidio alla caviglia che la tiene in dubbio fino all’ultimo. 

 

La prima frazione di gioco per il Ravenna però è un vero e proprio incubo. Le leonesse imprimono subito un ritmo indiavolato alla gara. All’8’ su una punizione messa in area da Giugliano, Emma Guidi esegue una grande parata sul colpo di testa di Girelli. Nei primi dieci minuti la squadra di Piovani ha già collezionato quattro calci d’angolo e proprio sul quarto segnano. È il 10’ quando Sabatino anticipa tutti e di testa spedisce in rete un tiro dalla bandierina di Tomaselli. Nemmeno il tempo di ragionare che il Ravenna torna sotto assedio.  Al 13’ però per fortuna Tomaselli cicca il pallone sola davanti alla porta, mentre pochi secondi dopo un tentativo in acrobazia di Sabatino si trasforma in un assist per Sikora, che però è troppo decentrata e colpisce l’esterno della rete. Due minuti dopo ancora Guidi protagonista con un salvataggio su calcio d’angolo, con Hendrix che poi non indovina il tap-in. Chi centra il bersaglio invece è Girelli al 20’, che si ritrova il pallone sui piedi dopo una respinta di Guidi e deposita in rete. Il Ravenna prova ad allentare la tensione alla mezzora con un tiro alla distanza di Pugnali, ma Marchitelli non ha problemi. Dei guai invece continuano ad essercene per la difesa biancorossa che al 32’ viene aggirata da una fitta trama di passaggi bresciani che mandano al tiro Sikora, con Guidi ancora chiamata in causa. Al Brescia sembra riuscire tutto fin troppo facilmente, con il Ravenna che invece fatica a produrre gioco. Al 41’ su un cross dalla destra la cosa in assoluto più bella del primo tempo con Sabatino che ci prova con una girata spettacolare che è un autentico manifesto al calcio, ma la sua conclusione colpisce in pieno la traversa. 

 

Al rientro in campo c’è subito un’occasione per Giugliano su punizione (para Guidi), poi c’è un bel momento per il Ravenna che all’8’ viene fuori con Pittaccio. L’ex Res Roma prima ci prova con un tiro da posizione defilata controllato da Marchitelli poi, al 13’, con un pallonetto dai quaranta metri sorprende il portiere e accorcia le distanze. Non c’è nemmeno il tempo di gioire, però, che le cose per le biancorosse si complicano quando Carrozzi in scivolata intercetta con la mano al limite dell’area un tiro di Girelli e colleziona il secondo giallo. L’espulsione della centrocampista porta rapidamente a un’incursione del Brescia che Guidi disinnesca con una doppia parata prima che Campesi debba lasciare il terreno di gioco in barella dopo uno scontro di gioco ed aver subito un colpo alla testa. Nonostante la superiorità numerica, però, il Brescia sembra risentire dell’impegno di coppa. Le lombarde di spengono via via e il Ravenna inizia a guadagnare metri, arrivando spesso dalle parti di Marchitelli, ma l’enorme sforzo fisico per l’inferiorità numerica pareggia comunque le forze in campo e le leonesse resistono, non senza affanno, fino alla fine.

 

 

Il tabellino della gara

Brescia: Marchitelli, Mendes, Sikora (22’ st Bergamaschi), Di Criscio, Sabatino, Girelli, Heroum (37’ st Giacinti), Hendrix, Daleszczyk, Tomaselli (1’ st Fusetti), Giugliano. A disp.: Ceasar, Cacciamali, Ghisi, Pettenuzzo. All.: Piovani.

Ravenna: Guidi; Costantino (1’ st Quadrelli), Manieri, Tucceri Cimini, Casadio; Carrozzi, Errico, Campesi (22’ st Cuciniello); Baldini (38’ st Barbaresi), Pugnali, Pittaccio. A disp.: Cicci, Cimatti, Alunno, Muratori. All.: Balacich-Rizzo.

Arbitro: Deborah Bianchi di Prato.

Reti: 10’ pt Sabatino, 20’ pt Girelli, 13’ st Pittaccio.

Ammonite: Carrozzi.

Espulse: 25’ st Carrozzi, 41’ st Balacich.

Note: giornata fredda. Spettatori 150 circa. Angoli 6-3. Recuperi: 1’ pt, 4’ st.

 

 

Ravenna Woman Calcio Femminile

Ufficio Stampa



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'