In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Futsal | Professionisti | Serie A

Luparense vs Kaos, il prepartita

I granata per continuare la striscia a San Martino di Lupari (sabato, ore 18), nello scontro frontale tra 3 ^ e 4^ forza della serie A

12/01/2018


Luparense vs Kaos, il prepartita

foto Kaos Reggio Emilia


Un duello che già nel match d'andata in scena al PalaBigi regalò mille emozioni, con il Kaos capace di regalarsi una grande notte sconfiggendo 5-4 la formazione campione d'Italia in carica. Oltre tre mesi più tardi sono cambiate tante cose, ma Luparense e Kaos Reggio sono sempre lì, a giocarsi il vertice del campionato di serie A, alla vigilia della quarta giornata del girone di ritorno.

 

Terza e quarta forza del torneo una di fronte all'altra, per un match da brividi in programma alle ore 18 di sabato nella bolgia di San Martino di Lupari; in casa dei padovani, la truppa di Juanlu Alonso va in caccia del 12° risultato utile consecutivo in campionato, che significherebbe in caso di successo pure aggancio agli stessi tricolori, terzi con 34 punti (a -2 dalla capolista Acqua&Sapone) e reduci da quattro vittorie consecutive. Kaos che non perde dalla trasferta di Rieti (20 ottobre), contro quel Real che mercoledì sarà ospite al PalaBigi nel turno infrasettimanale che precederà la lunga pausa in concomitanza con i campionati europei. In un turno di campionato che propone grandi sfide da playoff come Pesaro-Acqua&Sapone e Napoli-Came Dosson, c'è davvero da sfregarsi le mani.

 

 

 

LA CONSAPEVOLEZZA DI ALONSO

Kaos Reggio che salirà in Veneto con gli stessi 12 uomini che hanno affrontato e battuto Pesaro una settimana fa. Fuori dai 12 quindi Dudu Costa e il terzo portiere Vezzani, per un match che il madridista Juanlu Alonso vivrà anche come una sorta di derby con il collega David Marin, condottiero della Luparense che però tifa... Atletico.

 

“Sappiamo di affrontare una squadra fortissima, in un campo speciale e piccolo che ci metterà a dura prova, visto che il loro pressing può mettere chiunque in difficoltà – analizza Juanlu Alonso – La gestione del possesso palla sarà importantissima, perchè la Luparense recupera tanti palloni con la prima linea di pressione. La gara d'andata? Non cambia nulla nella nostra consapevolezza, anche se credo che dal punto di vista tattico possa risultare una gara simile. Noi siamo cresciuti da quei giorni, loro hanno cambiato qualcosa e sono ancora più forti. Vincere due volte contro una formazione del genere è sempre difficilissimo, ma ci proveremo”.

 

David Marin Ortega guida una Luparense anch'essa reduce dal successo infrasettimanale in Coppa della Divisione, con relativa qualificazione agli ottavi di finale dopo il 10-1 rifilato a Villorba. I tricolori non avranno a disposizione Borja, che deve ancora attendere per il suo esordio verso la sfida di mercoledì con Pesaro. Oltre allo spagnolo, non scenderà in campo Pablo Taborda, ancora non al meglio. Direttori di gara Lamanuzzi di Molfetta e Caracozzi di Foggia, cronometrista Volpato di Castelfranco Veneto.

 

 

 

IL TEAM MANAGER PANCIROLI

Il team manager Andrea Panciroli analizza il momento dei granata, tornando anche sulla qualificazione ottenuta dal Kaos in Coppa della Divisione. “Devo fare i complimenti a quei giocatori che nel corso del campionato hanno avuto meno occasioni di mettersi in mostra, ma che lavorano duro in allenamento e stanno facendo benissimo in Coppa. Penso ai ragazzi dell'under 19, a Dudu Costa, Pulvirenti e lo stesso Vezzani, oltre al nostro secondo portiere Timm. Sono dispiaciuto che, dopo l'ultima gara di campionato con Pesaro, qualcuno l'abbia impropriamente definito un “ragazzino”, cercando forse di sminuirne le capacità. Joao giocherebbe senza dubbio titolare in moltissime squadre di serie A, averlo in rosa è un motivo di orgoglio e dimostra la qualità della nostra squadra. Basta guardare il suo palmares: ha vinto tutto a livello giovanile, scudetti e supercoppe, e nonostante abbia solo 22 anni ha già giocato una finale scudetto ed è stato nove volte in nazionale. Lo consideriamo uno dei campioni a disposizione di Alonso. La Coppa della Divisione? Attendiamo i sorteggi del 1° febbraio a Roma, l'obiettivo per noi è raggiungere le Final Four perchè non abbiamo intenzione di snobbare alcuna competizione. Questo gruppo sta facendo molto bene, come dimostrano i 14 risultati utili consecutivi e la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia. Non vogliamo fermarci qui”.

 

 

 

PROGRAMMA 17° TURNO

Real Rieti-Axed Latina (venerdì sera), Block Stem Cisternino-Feldi Eboli (venerdì sera), Milano-IC Futsal (sabato ore 16), Luparense-Kaos Reggio Emilia (sabato ore 18), Italservice Pesaro-Acqua&Sapone Unigross (sabato ore 18.30), Lollo Caffè Napoli-Came Dosson (sabato ore 18.30), Pescara-Lazio (sabato ore 18.30)

 

 

 

CLASSIFICA DOPO 16 TURNI

Acqua&Sapone Unigross 36 punti, Came Dosson 35, Luparense 34, Kaos Reggio Emilia 31, Lollo Caffè Napoli 30, Pescara 24, Real Rieti e Italservice Pesaro 22, Axed Latina 18, Feldi Eboli e Block Stem Cisternino 17, IC Futsal 12, Lazio e Milano 10

 

Ufficio stampa Kaos Reggio Emilia C5

 




Luparense-Kaos Reggio Emilia 3-2

I granata cedono 3-2 contro i campioni d'Italia dopo 11 risultati utili consecutivi. Mercoledì di nuovo in campo al PalaBigi contro Rieti

13/01/2018


Luparense-Kaos Reggio Emilia 3-2

L'esultanza di Kakà dopo la rete dello 0-1


Non basta una grande prestazione, per portare a casa punti dalla tana della Luparense.

 

Il Kaos Reggio vede così interrompersi a 11 la striscia di risultati utili consecutivi in serie A, con i granata battuti solo nel finale dai campioni d'Italia in carica: a San Martino di Lupari finisce 3-2 per Honorio e soci, ma che personalità messa in campo dalla squadra di Alonso, che torna sì al 5° posto e vede allontanarsi il vertice, ma si conferma ormai squadra matura per giocarsela con chiunque. Certo, i rimpianti non mancano per il ko in terra padovana, nella penultima gara prima della lunga pausa per i campionati europei, visto che si chiuderà già mercoledì sera (ore 20) al PalaBigi, per il turno infrasettimanale contro il Real Rieti.

 

Per sfidare la Luparense del “cugino” madridista Marin, mister Juanlu Alonso propone il quintetto con Avellino, Titon, Dian Luka e Fits davanti a Molitierno, mentre i tricolori devono fare a meno di Taborda. Servono 7 minuti per assistere alla prima marcatura, ed è un'altra perla di capitan Kakà che porta avanti il Kaos in un primo tempo gestito con grande attenzione da parte dei granata, puniti però nei 5 minuti finali da Rafinha e Jesulito. E così all'intervallo è 2-1 Luparense, anche se nella ripresa il team reggiano spinge subito alla ricerca del pari. Sembra una gara stregata, tant'è che Molitierno deve pure uscire per lasciare spazio in porta a Timm, ma dopo una spinta incessante il Kaos impatta, a poco più di 8' dal gong, con la zampata di Dian Luka. La battaglia è totale, ma la decide un tocco in mischia di Mello a 144 secondi dalla conclusione, con la banda Alonso che ci prova con Dian Luka portiere di movimento in un finale che vede Avellino sfiorare il 3-3. Ma i 3 punti, questa volta, sono della Luparense.

 

 

 

IL TABELLINO

 

 

 

Luparense-Kaos Reggio Emilia 3-2

 

Marcatori: pt 7'01” Kakà, 14'26” Jesulito (L), 17'52” Rafinha (L), 11'43” Dian Luka (K), 16'36” Mello (L)

Luparense: Miarelli, Tobe, Duric, Ramon, Lara, Pavanetto, Honorio, Jesulito, Rafinha, Leofreddi, Mello, Jefferson. All. Marin

Kaos Reggio Emilia: Isidoro, Tuli, Titon, Fusari, Timm, Kakà, Zanotto Micheletto, Dian Luka, Fits, Avellino, Pulvirenti, Molitierno. All. Alonso

Arbitri: Lamanuzzi di Molfetta e Caracozzi di Foggia. Crono: Volpato di Castelfranco Veneto

Note: ammoniti Tuli (K), Jefferson e Mello (L)

 

 

Ufficio Stampa Kaos Reggio Emilia C5

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'