In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Nazionale sammarinese vs Santarcangelo 1-1

11/08/2017


Nazionale sammarinese vs Santarcangelo 1-1

 

 

NAZIONALE di SAN MARINO (4-1-4-1)

M. Manzaroli; Cesarini  (dal 70’ Stefanelli), Cevoli (dal 60’ Calzolari), Vitaioli (dal 46’ Brolli), Grandoni (dal 60’ Berardi); Cervellini; Rinaldi, Ceccaroli (dal 46’ Bonini), Golinucci (dal 46’ Berretti), Hirsch; Bernardi (dall’80’ Golinucci).

A disp.: Muraccini, Zavoli.

All.: Pierangelo Manzaroli.

 

SANTARCANGELO (4-2-3-1)

Moscatelli (dal 46’ Bastianoni); Maloku (dal 46’ Toninelli), Luciani (dal 46’ Briganti), Bondioli (dal 46’ Sirignano), Cagnano (dal 46’ Broli); Spogljaric (dal 46’ Gaiola), Dhamo (dal 46’ Dalla Bona); Soumahin, Bruschi (dal 46’ Moroni), Bussaglia; Piccioni (dal 46’ Palmieri).

All.: Giuseppe Angelini.

 

Arbitro: Marco Avoni.

Assistenti: Lorenzo Ilie e Francesco Mineo.

Marcatori: 44’ Hirsch, 90’+2’ Bussaglia.

Note: angoli 0-11, 50 spettatori; recupero: 1’ e 2’.

 

 

Prova di personalità da parte della Nazionale di San Marino, che Pierangelo Manzaroli decide di mettere in campo ancora con la difesa a quattro dal primo minuto e dal tredicesimo – invece – lascia intendere che, pur a cospetto di una realtà professionistica come quella clementina, non intende certo disputare una gara esclusivamente difensiva.

 

Anzi, è proprio bianco azzurra la prima sortita: Danilo Rinaldi – a segno con il San Marino Calcio in occasione della prima amichevole estiva – cerca di sorprendere Moscatelli con un mancino fiondato da centrocampo, alto di poco.

 

Immediata la replica romagnola con Piccioni, preludio della successiva incursione di Danilo Rinaldi che – innescato da Marco Bernardi – cerca senza successo un assist in area di rigore.

 

Poco prima della mezz’ora ci prova senza fortuna anche Bernardi, con la Nazionale di San Marino a certificare il momento positivo anche con Hirsch, che libera la conclusione al 34’.

 

Di lì a poco il primo squillo romagnolo, con Dhamo a colpire dai 20 metri e a chiamare in causa uno strepitoso Mattia Manzaroli che – con la punta delle dita – nega il vantaggio che sembrava ormai cosa fatta.

 

L’estremo bianco azzurro è sollecitato anche dal piazzato di Bruschi, ultimo sussulto degli uomini di Angelini prima della fine della prima frazione di gara, che va in archivio col vantaggio sammarinese sull’asse Rinaldi-Hirsch. Il primo rifinisce per il compagno di club e nazionale che – complice Maloku che lo tiene in gioco e Moscatelli che esce senza possibilità di arrivare in anticipo – salta il portiere e deposita il pallone in fondo al sacco.

 

Nella ripresa Angelini butta dentro tutti i titolari a disposizione, permettendo di fatto al Santarcangelo di prendere in mano le redini dell’incontro: Dalla Bona chiama in causa due volte Manzaroli con pericolosi tentativi da fuori area, mentre Palmieri fa la conoscenza del portiere sammarinese al 61’ – quando si vede respingere di piede un tiro a botta sicura.

 

L’estremo difensore in forza alla Juvenes/Dogana è il grande protagonista della ripresa, ingaggiando un vero e proprio duello con Bussaglia che nell’ultimo quarto d’ora costruisce la bellezza di quattro palle gol. L’unica che non coinvolge l’ala sinistra è forse la più ghiotta, con Palmieri ad alzare sopra la traversa – dal limite dell’area piccola – il suggerimento di Toninelli.

 

Alla fine il gol del pareggio arriva e fa male perché quando Bussaglia spezza il raddoppio sulla linea dei 20 metri e fredda Manzaroli dopo essersi presentato all’uno contro uno, il cronometro batte il 91’. 

 

La beffa assume contorni ancor più netti quando Mattia Stefanelli – recuperata palla si Sirignano – spedisce sull’esterno della rete il potenziale pallone del successo in quella che Avoni decreta essere l’ultima azione del match, che segna la crescita della Nazionale sammarinese in termini di condizione, ma anche a livello tecnico-tattico, riproponendo l’atavico calo nel finale di partita su cui Pierangelo Manzaroli ed il suo staff riprenderanno a lavorare fin da subito per poter arrivare agli impegni internazionali di settembre nel migliore dei modi.

 

 

 

FSGC | Ufficio Stampa

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'